Un'avventura a Gardaland

In Francia l'8 maggio e' la "Fête de la Victoire", per noi stranieri e per niente nazionalisti francesi frega ben poco ma ci permette di evadere dalla routine e di farci qualche bel ponte, quando cade nel giorno giusto!

Ne approfittiamo per andare nelle colline bergamasche a trovare lo Zio, il mio fratellone che per l'occasione e' riuscito pure a prendere qualche giorno di ferie, che vi assicuro per un lavoratore come lui e' stata dura, durissima.


Ad attenderci c'e' il suo gattone che viene inseguito dai marmocchi che non lo mollano un attimo. 

Si vede che non siamo abituati agli animali domestici?


Ci piace tanto venire qui, respirare l'aria buona, sentirci piu' vicini al cielo, forse lo Zio che ci vive non se ne rende conto, quando una cosa ce l'hai sott'occhio tutti i giorni diventa normalita' e non ci si fa piu' caso, ma noi, in questa fase della nostra vita in cui sentiamo un forte bisogno di natura, apprezziamo tantissimo il verde, il silenzio, il rumore delle campane della chiesa del paesino e il cinguettio degli uccellini...ah, come sono romantica!



La pace e il silenzio vanno bene alcuni giorni per i marmocchi, ma ora e' tempo di fare cose alternative e divertenti: Gardaland arriviamoooo!!!




Diciamocelo, me lo dico da sola, che rivedere Prezzemolo mi ha fatto tornare un po' bambina a quando andavo a gardaland, con la gita della parrocchia, ogni estate a fine giugno...che ricordi, che risate, che spensieratezza.
E' la prima volta per i miei bimbi e hanno lo Zio che gli fa da guida!


Prima tappa il regno dei piu' piccoli, con attrazioni adatte anche ai piu' piccini ma che al quasi 7enne Lolo' e 5enne Dada' sembrano un po' da "bebe'"! La piccola Popa dove la metti sta'!


All'ingresso delle varie attrazioni c'e' un bel metro per misurare il bambino e verificare che abbia l'altezza adatta per salire. Lo Zio e' lanciatissimo e senza pensarci troppo si porta Lolo' su "Mammut" senza sapere troppo cosa sia...e nemmeno io, cavoli i giochi sono cambiati da quando MaFa era ragazzina!


Noi li aspettiamo, il tempo passa, la fila sembra essere lunga e MaFa si rende conto, vedendo passare le "carrozze" del Mammut che la gente grida, eccome se grida. 

La preoccupazione sale per MaFa che viene quasi presa in giro da BabboGe' per le sue "tipiche ansie da mamma", ma le mamme non hanno ansie a caso, certe cose se le sentono.

Ed eccolo che arriva Lolo', con le gambe tremanti, gli occhi lucidi e la voce spezzata "mamma, che paura, ma dove mi ha portato la Zio?". 
Ho detto tutto! 
Da quel momento lo Zio ha perso credibilita' e lotta ancora per riconquistarla!
Ci dirigiamo verso attrazioni di gruppo e piu' tranquille, studiando un po' meglio la mappa e le fasce d'eta' indicate per ogni gioco.





le montagne russe...le guardiamo e basta!
"Dai andiamo nella casa di prezzemolo, e' carino ci sono stato qualche anno fa ed e' tranquilla" dice lo Zio, gli crediamo, andiamo, tutti e 5. 
Ma aiutoooooo, il delirio, la claustrofobia si impossessa di noi. 
Popa risulta essere troppo piccola per quell'attrazione e Lolo' se la fa sotto dalla paura insieme a BabboGe' che ci manca poco che vomita nel "su e giu'" di quella stanza di premezzolo stile "barcone"! 
Ma ditelo dai!!



Abbiamo capito...per noi vanno bene gli aeroplanini, meglio stare nella zona "bebe'" che si rischia meno!

MaFa

MammaFarAndAway

2 commenti:

  1. eravate vicino a noi !! che bello vedervi così felici !

    RispondiElimina
  2. Adoro Gardaland! ˆ_ˆ ci siamo stati da pochissimo con le orsette. Una giornata favolosa!!!

    RispondiElimina