Confronto e affronto

Posso scalare montagne di panni da stirare, posso stare chiusa in casa con tre marmocchi ammalati in contemporanea fino a 7 giorni di fila, posso cambiare 2 pannoloni alla volta, posso improvvisare pranzi e merende all'ultimo minuto, posso inventarmi giochi divertenti per un bel gruppo di marmocchi eccitati ma non posso, non riesco, non ce la faccio a gestire le litigate del mio trio.



So che sarebbe molto piu' importante saper far questo e non tutto il resto, ma ognuno ha i suoi limiti ed io lo ammetto.

Sono una tipa pacifista, anche se qualche amica di vecchia data direbbe forse il contrario, sarebbe meglio dire che non amo le discussioni inutili, mi piace mediare e trovare soluzioni pacifiche. 
Cosi' provo a fare con quei tre marmocchi ma mi sembra d'essere entrata in un vortice senza fine.
Lolo' 7 anni, appassionato di lego, crea una bella casa per infilarci dentro dei tesori (semplici lucine colorate!), con entrata dotata di sbarra, corridoio lungo e pedana d'accesso...insomma un bel lavoro.

Dada', 5 anni, con acuta sindrome da "secondo", vuole la stessa identica casa, che deve essere costruita alla velocita' della luce e ovviamente da suo fratello che pero' non ci sta. 

Arrivo a placare gli animi, con quelle frasi giuste di incoraggiamento: "Dada' la puoi benissimo fare da solo, diversa, pure piu' bella, ma tua, sara' tua, costruita da te" ....ma no, ovviamente non va bene. 
Ci riprovo: "Lolo' sta costruendo la sua, non puo' smettere solo per soddisfare un tuo capriccio", ma non va bene nemmeno cosi' e il pianto, quello acuto, lagnoso, insopportabile non si placa. 
Ha la stessa lagna che avevo io da piccola...proprio questo gene doveva passare?
La mia calma, quella apparente, svanisce, mi sto irritando in maniera esponenziale e Dada' lo sa.

Ultima proposta "usa una delle basi verdi per fare una super casa" ma la  base verde ce l'ha Popa (porca miseria non l'avevo notato) e quando Dada' prova a prenderla scoppia il putiferio: la treenne femmina di casa urla, si' perche' la sua arma migliore e' il grido, il cinquenne piange come se ne avesse due di anni e il setteenne, quasi soddisfatto d'esser stata la causa di quel casino continua imperterrito la sua costruzione fantastica facendo incazzare ancora di piu' il fratello!

Mettici gli ormoni in subbuglio, mettici un po' di mal di testa, mettici un po' di pensieri vaganti e non ce la posso fare. O mi ritiro nelle mie stanze o faccio una "strage". 

Mi ritiro.

Rifletto, respiro.

Sono consapevole che in parte lo fanno apposta, e' un modo forse inconscio per avere piu' attenzione, uno di quei meccanismi del rapporto madre-figlio che ancora non riesco a capire e nemmeno a gestire. 

Unica soluzione trovata per ora: calmarmi, respirare, mettere un sorriso sul viso e dotarmi di quella poca pazienza latente e andarmi a sedere per terra con loro, ritornando bambina e giocare, giocare, giocare!

Se qualcuno avesse consigli o suggerimenti fatemelo sapere...non aspetto altro!

MaFa

MammaFarAndAway

8 commenti:

  1. Se conoscessi la formula magica te la rivelerei! I litigi a casa nostra sono continui. I miei due bimbi hanno 6 e 2 anni ed ancora non riescono proprio a giocare insieme se non giochi turbolenti come tirarsi i cuscini o rincorrersi per casa che finiscono inevitabilmente con il piccolo che si fa male. Quando tentano di giocare con i giocattoli è una tragedia perché il grande costruisce ed il piccolo distrugge! Ad aggravare il tutto c'è una forte gelosia del grande ed, ultimamente anche del piccolo. Insomma io non sempre riesco a mantenere la calma nonostante di natura io sia molto paziente. Soprattutto quando sono a casa insieme per tutto il giorno è durissima...Spero solo che crescendo ci sia più complicità fra loro, sia nel gioco, sia in tutto il resto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Proprio qualche giorno fa mio marito ha ritrovato un video di Lolo' e Dada' quando avevano rispettivamente 3 anni e un anno e in questo video Lolo' costruiva con le duplo e Dada' distruggeva. Spesso ho pensato che fosse stato l'arrivo di Popa ad innescare meccanismi litigiosi, ma non e' cosi', deve essere nella loro natura, fa parte del loro processo di crescita e la gelosia di certo non aiuta. Confido anche io nella loro crescita, insomma spero che dopo essersi azzuffati per anni riescano comunque ad essere affiatati ed uniti!

      Elimina
  2. le mie giocano insieme un sacco, si adorano e si sbaciucchiano.
    quando non si gridano a vicenda, rubano le cose e lagnano a nastro.

    avere sempre in frigo acqua tonica e sullo scaffale in alto in alto una bottiglia di gin saphire bombay.
    con moderazione, ma a fine giornata puo' funzionare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie..esco subito a comprare una bottiglia di gin...ho il chinotto in frigo va bene lo stesso?
      ;)

      Elimina
  3. 14 mesi di differenza, la Belva non arriva nemmeno ai tre anni. Me lo dici tu come faccio che si strappano i giochi di mano, si strappano i capelli, le magliette, urlano, piangono, vogliono, pretendono??? Io lascio fare, aspetto, vedo come se la cavano...come dice mia sorella: vedi sangue? No, allora puoi lasciar stare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando erano piu' piccoli ho provato a fare cosi' anch'io, dietro consiglio di un'amica ed ho lasciato Lolo' di 3 anni e mezzo e DAda' di un anno e mezzo a litigare finche'....un po' di sangue e' uscito visto che Dada' l'ha graffiato nel viso! Da allora non ho piu' adottato quella tattica, insomma cerco di mediare prima, ma e' dura..per cui hai tutta la mia solidarieta'!

      Elimina
    2. Anche La Belva ha graffiato il Vitellino con un pizzicotto un po' troppo potente...ovvio che in quel caso le cose cambiano, che comunque sorveglio bene la situazione e cerco di far in modo che non arrivino a certi limiti, ma credo che debbano anche imparare a litigare, debbano imparare a rispettarsi anche nello screzio e che soprattutto non debba sempre esserci qualcuno che medi, ma che sappiano essere autonomi anche in questo.
      Poi ovvio nella realtà è un po' più difficile e partano spesso e volentieri gli urli, miei e loro!

      Elimina
    3. Il tuo commento non arriva a caso oggi....stavo appunto riflettendo sul mio ruolo di "controllore/mediatore" e comincio a pensare che sia dannoso nonostante io lo faccia per una causa giusta, insomma vorrei insegnargli ad essere persone oneste, non litigiose, che si prestano le cose, che si aiutano...ma forse lo impareranno da soli senza la "mamma rompipalle" alle calcagne!
      Autonomia...tanta autonomia, hai proprio ragione! :)

      Elimina