Giornata internazionale al Parc Phoenix

Prendi una mamma italiana, una mamma estone, una tedesca, una canadese e una rumena, falle salire sul treno con una bella comitiva rumorosa di 12 bambini per raggiungere il Parc Phoenix di Nizza e ne uscira' una fantastica giornata!

Cosi' e' stato. 
Solo per il semplice fatto di salire sul treno i bambini erano euforici, quasi dispiaciuti che il tragitto Antibes-Nice St.Augustin fosse cosi' breve!



Sole splendente e temperatura primaverile in uno degli ultimi giorni delle "vacances d'hiver" che hanno fatto riversare frotte di mamme, babysitter e bambini nel parco piu' grande di Nizza. 

Una distesa di verde, alberi e laghetti.

Il parco accoglie pure alcuni animali tra cui lontre, pappagalli, porcellini d'India e tartarughe. Il punto forte del parco e' la serra tropicale, conosciuta come "le diamant vert", uno di quei luoghi in cui vedi piante che non sei abituato a vedere e goccioli di sudore per il caldo che fa!

Alla ricerca della lontra

I porcellini d'India

Alla ricerca dei cigni
I primi 15 minuti nel parco sono stati un vero delirio: bambini impazziti che correvano ovunque, non facevamo in tempo a fermarci ad osservare un animale che gia' correvano verso il successivo.

In 5 lingue diverse noi mamme cercavamo di farli concentrare davanti ai cartelli esplicativi delle varie specie..ma niente da fare, in nessuna lingua ha funzionato. Io e le altre mamme ci siamo guardate e il "let's go to the playground" e' stato approvato da tutte!



Il "playground" del Parc Phoenix e' immenso, ha persino un labirinto tra le canne di bambu'.


I bambini sono stati "liberati" e per noi mamme e' stato il momento delle chiacchiere...che fanno sempre tanto bene! La lingua comune e' l'inglese ed e' davvero buffo che il mio inglese sia migliorato qui in Francia, molto di piu' che nei miei 5 anni a Dublino!

Il "via al pranzo" e' stato dato dalla mia Popa  "mamma io ho fame!"..ed il picnic multietnico e' iniziato vedendo manine di marmocchi appropriarsi di cibi altrui..soprattutto della mia amica estone Kristi che in tema di picnic e cibarie e' imbattibile! Scambio culturale e scambio di cibi insomma!

Pancia piena, energie scaricate...e' tempo della visita alla serra e dell'acquario.



Alla ricerca del coccodrillo

Le tartarughe hanno sempre un certo fascino per i bambini ed e' qui che io e Kristi riusciamo a tenere fermi i nostri figli per piu' di 15 minuti osservando le tartarughe "in corsa" una dietro all'altra ed inscenando la telecronaca di una gara in pista! Quando i piccoli hanno cominciato a fare il tifo e urlare "dai vai.." (in italiano perche' il marito della mia amica e' italiano e quando i nostri 5 bimbi sono insieme la lingua comune e' la nostra!) ho capito che l'idea e' stata buona!


Il ritorno al playground e' stato inevitabile dopo il giro tra gli animali....e' piu' attraente un labirinto in cui nascondersi di un gruppo di tartarughe che prendono il sole!




Info Pratiche:



Tariffe e Orari: 2 euro il biglietto, bambini sotto i 12 anni gratuiti. E' vietato l'ingresso con biciclette, con animali domestici ed e' vietato il gioco del pallone! Il parco e' aperto dalle 9.30 alle 18.00 e d'estate fino alle 19.30.

Accesso: la stazione del treno piu' vicina e' quella di Nice St. Augustin. Uscendo dalla stazione si procede verso sinistra attraversando la strada molto trafficata e dirigendosi verso i palazzi in cui risiedono degli uffici, si attraversa la piazzetta sottostante e si arriva all'ingresso del parco. 
Se si vuole raggiungere il parco in automobile, il parcheggio piu' vicino e' "parking de l'arenas" e 2 ore di parcheggio vengono offerte nei weekend, nei giorni festivi e d'estate.

Servizi: un punto di ristoro con tavolini all'aperto e' presente all'interno del parco. Servizi igienici all'interno della serra.

MaFa

MammaFarAndAway

Nessun commento:

Posta un commento