A cena con le mamme inglesi: con un interprete sarebbe andata meglio!

Fonte: www.keepcalm-o-matic.co.uk
Sono una persona socievole, non ho mai avuto problemi comunicativi, su questo non ci sono dubbi, nemmeno in altre lingue perche' in qualche modo mi faccio sempre capire.

Le mie amiche francesi, le mamme dei compagni di classe di Lolo' della scuola materna, lo sanno bene e credo si ricordino chiaramente le nostre serate al ristorante nelle quali sono riuscita a farle ridere a crepapelle, con il mio francese italianizzato, ma di successo!

Ecco con l'inglese ho qualche difficolta' in piu'. 

Non che non riesca a parlarlo, anzi me la cavo bene, sono fluente ma, come mi ha detto Lolo' qualche giorno fa, "il tuo problema mamma e' che sai le parole in inglese ma le dici come se parlassi italiano", mentre lui mi sta sfoggiando un perfetto accento british su qualunque parola pronunci!

Ieri sera ho fatto fatica, molta fatica. 

Era la serata ristorante con le mamme della classe di Dada'. 

Quindici inglesi, un'italiana (io!), un'algerina naturalizzata inglese e un'irish (simpatica da morire!). 

Non credo d'essere stata molto smart nel scegliere il posto a sedere che risulta essere tattico in queste serate tra donne.

Guidata dal mio egocentrismo mi sono piazzata nel mezzo del tavolo, vicino a una delle mamme di cui conosco il nome e di fronte ad altre delle quali non conoscevo l'esistenza.

Imbarazzanti certi momenti in cui non sapevo se guardare nel lato destro o nel lato sinistro del tavolo, grandi discorsoni su argomenti che mi sono sfuggiti, perche' semplicemnte mi sfuggivano le parole, non sentivo e non riuscivo a decifrare il movimento delle labbra.

Diciamocelo che decifrare  l''inglese di mamme molto british a un metro di distanza in un ristorante chiassoso con la musica di sottofondo non e' facile!

Sono riuscita delicatamente ad intrufolarmi in un discorso quando ho sentito "disneyland paris"! 
Una mamma raccontava che vanno la' per le vacanze natalizie e chiedeva chi c'era stata, evvai... questa la so!  

Ho avuto il mio momento di gloria!

La serata scorreva ed io piano piano sono riuscita a sentirmi a mio agio. 

Sono un gruppo di mamme che si conoscono da 3 anni, i loro figli sono cresciuti insieme a scuola, alcune si frequentano quotidianamente, non e' facile inserirsi in questo contesto e le mie capacita' comunicative e di socializzazione sono state sfoderate al meglio.

Il momento dei Christmas Crackers ha reso tutto molto conviviale. 

Fonte: www.dreamstime.com

Questi piccoli tubi di cartone, decorati di carta natalizia, che ho scoperto nei miei anni dublinesi e che ritrovo ora qui, sono il simbolo della condivisione a tavola nel periodo di Natale.

Con il vicino di tavola si tirano le estremita', si sente lo scoppio e si scopre il regalino dentro, sempre accompagnato da una corona di carta che i commensali mettono in testa e da un bigliettino, stile bacio perugina, con un indovinello.

Fonte: www.historic-uk.com/CultureUK/Christmas-Crackers/

In quel momento le risate si sono sprecate e sono riuscita a sentirmi un po' parte di quel gruppo di mamme sorridenti e, vi assicuro, non per merito dell'alcool che non e' stato troppo protagonista della serata. 

Ho chiaramente capito che avrebbero voluto bere di piu', avrebbero voluto "prenderla bella" (espressione tratta dal vocabolario toscano di mio marito), ma era mercoledi' sera ed il giorno dopo c'era scuola e lavoro, per cui il senso di responsabilita' ha prevalso.

Sono rientrata a casa consapevole d'aver trovato un bel gruppo di mamme, di non aver capito l'80% degli argomenti trattati (senza che nessuno se ne accorgesse visto che quando ridevano le altre, ridevo pure io!) e  d'aver bisogno di un corso intensivo di perfezionamento del mio inglese e della mia pronuncia.

Per il resto posso ritenermi soddisfatta.

MaFa

MammaFarAndAway

21 commenti:

  1. Dai ma sei stata bravissima...l'80% è un'ottima percentuale! E no, non è mica facile..la mia prima prova è stata a tre, io e altre due mamme inglesi, in un pub. Loro bevevano parecchio (era sabato sera) io mi sono fermata a una birra. Sono state molto molto carine con me, ripetendo e sorridendo sempre. Ma non credo di aver raggiunto l'80% quella volta...adesso va già meglio. Loro mi conoscono, io conosco loro e ci scappa anche una risata reale. Ehi...sono stata invitata anche ad un matrimonio inglese per maggio!! Te l'ho detto...e lì ne vedremo delle belle!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Amica mia, l'80% e' la percentuale di cose che non ho capito e potrebbe andare bene! ;)
      Non vedo l'ora di vedere cosa combinerai in maggio a quel matrimonio!

      Elimina
    2. Ops non avevo letto la parola "non" ... e va beh ... si comincia dal 20% per salire! ;)

      Elimina
  2. Per capire il "British English" ci vogliono I sottotitoli. :) E' solo questione di tempo, ti sei buttata e sono sicura che le alter mamme hanno apprezzato. Complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marilena, e' stato davvero complicato capire quello che dicevano ed io che pensavo d'avere un inglese fluente. Ho poi realizzato che io ho quasi sempre parlato inglese con stranieri e non con british 100%! Adesso avro' il tempo di migliorare, spero!

      Elimina
  3. Grande Fabiana....continuo a ripetermi: ti ammiro!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ammiri il mio inglese? ;)
      Non sai che fatica nel cercare di fare l'accento british corretto! Ripenso alla mia prof delle superiore e a tutto quello che non mi ha insegnato! :(

      Elimina
  4. Oh non sai come ti capisco! Io che qui faccio sia inglese che francese in certe serate non capivo nè in una nè nell'altra alle volte!!! Ora va meglio, per lo meno capisco, l'esprimersi con calma...diciamo che sopravvivo!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'importante e' provarci, cercare di far gruppo e sorridere! un abbraccio

      Elimina
  5. Per me sei una grande!!!
    Mi ricordi la cena di saluti alla mia amica scozzese, una tavolata composta da 6 madrelingua inglesi, una songaporiane, due americane e una irlandese. Capii più o meno il 15% delle conversazioni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah ah...grazie Drusilla! Piu' che "una grande" mi sono sentita in certi momenti una "scema", li' nel mezzo alle conversazioni con la paura di dire qualcosa che non c'entrava niente con il discorso! Le madrelingua inglesi per me sono le piu' difficili da capire....quella lingua tra i denti faccio ancora fatica a decifrarla! :)
      un abbraccio

      Elimina
  6. che dirti, l'inglese british arriverà..mi hai ricordato le mie serate con donne svizzere dei primi tempi, loro gentilissime parlavano high german con me, quando si vedeva che avevano una voglia matta di parlare dialetto svizzero-tedesco, per me all'epoca incomprensibile! ridevo tanto e annuivo, facendo figure di palta a volte, ma ancora adesso con una di loro mi sento su whatsapp, in tedesco e in svizzero- tedesco ( lei, io non lo so scrivere il dialetto) e so di avercela fatta :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono fortemente decisa nel rimettermi a studiare l'inglese o per lo meno fare un bel corso di fonetica perche' qualcuno nella scuola italiana si e' dimenticato di spiegarmi un po' di regole di basi di fonetica! Non e' facile inserirsi quando non si e' liberi di esprimersi come si vuole, ma la comunicazione non verbale e' un ottimo alleato in queste situazioni!
      Un giorno potro' dire, forse, d'avercela fatta pure io! CAvoli il tedesco e' difficile....hai tutta la mia ammirazione!

      Elimina
  7. è normale che a scuola non si impari la lingua vera, con insegnanti italiani che mai misero piede in UK....
    se penso a quello che ho fatto di francese a scuola... le mani nei capelli.
    però... la voglia di imparare è metà dell'opera : )
    Rossella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Rossella, di voglia di rimettermi in gioco ne ho tanta e soprattutto di migliorare questo inglese, per capire e farmi capire ancora meglio!

      Elimina
  8. Ecco sentire qs storie mi tranquillizza ! È tostissimo capirle !! E che forte tuo figlio !!! Sono convinta che tra poco superarai pure qs!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mimma, sai che nonostante io sia una persona un sacco socievole e che fa amicizia facilmente, sento nostalgia delle cene con le amiche dell'universita', quelle con le quali ci si capiva al volo ed era tutto naturale e spontaneo. E' difficile ricominciare, tessere di nuovo una rete di rapporti e se poi ci si mette pure questo accento british! :(
      Stamattina ho accompagnato Dada' e la sua classe al XMas Service in chiesa e.....aiutoooooooooooooo...non capivo nemmeno quello che mi chiedevano alcuni bambini! Ed io che l'inglese ce l'ho fluente....ahhhhhh! :(

      Elimina
  9. ....Leggervi mi rassicura. Solo fa tre mesi in uk arrivata con un inglese basic. .la prima settimana volevo morire. Ma ora molto meglio. ..sono lontana dall accento British. ...ma posso farcela :)....buono studio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buono studio anche a te Francy! Io intanto prendo lezione dai miei bambini che cominciano a correggermi e farmi sentire come si pronunciano per bene le parole! Loro sono spugne! ;)

      Elimina
  10. Sei mitica!! Seguo le tue vicende con sempre maggiore passione: sai dare la carica, anche se ti professi stanca! ;)
    Adoro il tuo coraggio e la tua autoironia! grandiosa! :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Vale!
      Ho dei momenti in cui sono davvero stanca, ma poi la voglia di riuscire, di provarci prevale e la carica giusta arriva. Spero di rimanere sempre cosi'!
      Mi piace rimettermi in gioco, sempre e il prendermi per il culo da sola mi aiuta a riderci su, perche' intanto piangere o disperarsi non serve a molto! un abbraccio immenso

      Elimina