I miei buoni motivi per fare i Mandala

Solo adesso, che abbiamo raggiunto una quotidianita' "normale" (la stessa scuola per tutti e tre e' un bel traguardo!), mi rendo conto di quanto sia stato duro e intenso l'ultimo anno. 
Nonostante abbia cercato di affrontarlo nel migliore dei modi, con lo spirito giusto, per me, mamma/donna/moglie e' stato intenso e pesante. 
I cambiamenti ti segnano e, da mamma, mi hanno visto protagonista nella fase di sostegno dei miei figli. 

Li ho aiutati, come e' giusto che sia, mi sono fatta in quattro per supportarli in tutti i sensi, dalla scuola alle relazioni sociali, dai momenti di paura e disagio a quelli di stress. 
E lo stress ha colpito anche me, in maniera inconscia.
E' stato un incontro con una persona speciale, della quale magari tra un po' vi parlero', che mi ha illuminata. 
Mi ha fatto realizzare che le mie giornate erano una lotta continua contro il tempo, contro le mille cose da fare, contro quelle tante voci che in testa mi dicevano quale doveva essere l'azione successiva ancora prima d'aver concluso l'azione in corso. 
Quello che in tanti chiamano multitasking a me stava facendo scoppiare la testa!
Avevo bisogno di rallentare, di mollare la presa e lasciar perdere alcune cose, perche' non sempre tutto puo' essere perfetto e fatto in tempo, un po' un modo d'accettare che sono umana e non una "wonder woman"!
Quella sensazione di non potermi mai fermare ed avere sempre qualcosa da fare mi attanagliava e quelle voci in testa non mi lasciavano.
Finche' non ho scoperto i Mandala!
E' arrivata la mia passione per i Mandala a farmi uscire dal tunnel e farmi rallentare, ma non solo.
I Mandala, dal sancrito "centro" o "cerchio", sono dei disegni circolari di vario tipo, con un punto centrale dal quale si sviluppa la rappresentazione. Io non li creo, io li coloro. 

Il mio primo Mandala - Giugno 2015
E questo mi fa stare troppo bene. 
Sono mesi ormai che il momento del "mandala" e' il mio momento. In casa tutti sanno che non devo essere disturbata e sembrano rispettare la mia richiesta. 
Il Mandala e' il mio rifugio nei momenti di rabbia, quando anche una semplice discussione con i bambini potrebbe sfociare in litigate epocali, io mi allontano, mi siedo e comincio a colorare. 
"Ma dov'e' mamma?" si chiedono magari i bambini in quei frangenti e qualcuno dei tre risponde "sta colorando!".
Quel colorare, quel percorrere i tratti del Mandala, seguire le sue linee, mi rilassa talmente tanto che adesso non posso piu' farne a meno. 

 
I  miei colori sono sempre a portata di mano: dei pennarelli a punta finissima dai colori vivi, accessi.


I Mandala mi aiutano a respirare piu' lentamente e regolano il mio battito cardiaco.
Me ne sono accorta fin da subito che qualcosa nel mio modo di respirare cambiava mentre coloravo. Piano piano, minuto dopo minuto il battito si regolarizza e la mia respirazione prende ritmi che in condizioni normali mi sognerei!


I Mandala mi liberano la mente.
Focalizzandomi sul mandala e sui colori permetto alla mia mente di rilassarsi.
Per arrivare ad avere la mente libera da pensieri ci sono voluti un paio di Mandala, non e' stata una cosa immediata. Adesso quando inizio a colorare mi bastano pochi minuti di immersione totale nel disegno per avere la mente libera e dedicarmi solo ai colori e alle forme. L'unico pensiero e' scegliere che tonalita' usare. 
E' incredibile come nelle mie giornate "NO" la scelta del colore sia sbagliata e mi ritrovi poi a lasciar perdere quel determinato disegno perche' il colore e' stato scelto in una condizione non totalmente ideale.
Mi e' successo settimana scorsa con questo Mandala, iniziato in tonalita' verde e poi abbandanato dopo aver optato per il rosa nella parte centrale. L'ho guardato e riguardato, ma quel rosa nel mezzo non mi piace!
Per cui questo Mandala e' rimasto fermo li', incompleto! 
Credo che un "art therapist" qui troverebbe pane per i suoi denti!

I Mandala favoriscono la meditazione.
E' con il pennarello in mano e le piccole linee da colorare e percorrere che riesco a raggiungere livelli intensi di meditazione, sempre che intorno non ci sia il finimondo. 
Ecco perche' spesso lo faccio la sera, prima d'andare a dormire, quando i bimbi sono gia' nel mondo dei sogni ed il silenzio concilia la meditazione.
Sono talmente immersa in quello che faccio che le poche volte che ho provato a colorare il mandala stando al telefono con mia mamma non ci sono riuscita, non riuscivo a parlare e colorare allo stesso tempo, roba da matti!  

Questo il Mandala fatto in vacanza - estate 2015

I Mandala aumentano la conspevolezza di me stessa. 
Come dicevo prima e' incredibile come la scelta di un colore, di una tonalita' sia legata ad uno stato d'animo. Questo mi aiuta ad avere piu' consapevolezza di me, a rendermi conto anche solo per la scelta "sbagliata" di un colore che qualcosa non va e questo mi porta ad analizzarmi. Oppure la semplice difficolta' di decidere che colore usare mi apre mille discussioni nella mente per capirne il motivo e vi assicuro che un motivo c'e' sempre, magari legato a qualche evento particolare della giornata o ad una preoccupazione latente.

Questo Mandala e' rimasto fermo qui, qualche scelta di colore che non mi convinceva e tanti spazi bianchi, ma agli occhi dei bambini per esempio risulta "finito"! Punti di vista, sempre!
I Mandala mi divertono e aumentano la mia creativita'.
Ovviamente non farei i mandala in ogni momento libero se non mi piacesse. Mi diverto e mi danno soddisfazione. Mi piace quando raggiungo il risultato e completo il foglio, mi piace riguardarli e contemplare i colori e mi piace scoprire nuove tecniche. Questo il mio ultimo "work in progress":


I Mandala sono contagiosi.
Credo che per i miei bambini vedere la mamma colorare sia un po' come ritrovare un'amichetta con cui condividere una passione.

Non sono rari i momenti nei quali tutti coloriamo. 
All'inizio loro prendevano i loro quaderni, adesso vogliono tutti i mandala!



E che Mandala sia!


I libri Mandala che vedete nelle foto fanno parte della serie "Colouring for mindfulness" ed hanno la caratteristica d'avere i fogli quadrati staccabili, di spessore sufficiente affinche' il colore non trapassi dietro, la qualita' e' ottima e sono divisi per categorie: 
Natura, Gatti, Bollywood, Illusioni ottiche, Moorish, Aztechi, Giappone, e Amazzonia.
 

MaFa

MammaFarAndAway

10 commenti:

  1. "non riuscivo a parlare e colorare allo stesso tempo, roba da matti!"... no, proprio nulla di strano: a me hanno insegnato che mentre disegni non puoi fare altro, nè parlare, ne ascoltare... se disegni "seriamente" la tua attenzione deve essere focalizzata tutta in ciò che stai facendo, e penso sia proprio lo stesso con il colorare. Anche se certe volte, tipo oggi, cerco di lavorare e ascoltare un tutorial di social media marketing e ... so che non dovrei farlo, infatti procedo lentamente.
    Quando invece mi riesco a concentrare pienamente sul disegno, mi distacco dal mondo e un piccolo rumore esterno mi fa saltare in aria XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Evvai, quindi Clyo sono nella fase giusta, concentrata al punto giusto sul disegno da non poter fare altro! ;)

      Elimina
  2. E Mandala sia ... o meglio, mi hai quasi convinto ... il mio problema sono tutti quegli spazietti piccoli piccoli che devi colorare con precisione e gusto. Insomma bisogna essere un po' portati e artisti?! Forse no, ma credo che io potrei impazzire.. potrei provare magari con uno piccolo, poi ti dico come va.. o continuare a fare yoga e respirare dentro e fuori! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che lo Yoga faccia benissimo, lo inseguo e prima o poi riusciro' a trovare una brava teacher ed incastrarci qualche lezione, ma intanto coloro! Se non sbaglio ci sono mandala con spazi piu' grandi, fattibilissimi! Cercane alcuni su google.images e poi fai la prova..secondo me ti contagio!

      Elimina
  3. La mia prima insegnante di yoga mi ha fatto scoprire i mandala 6 anni fa, quando aspettavo Attilio. Da allora non ho mai smesso di colorarli e spesso li coloro assieme ai bambini.
    Su di me hanno gli stessi effetti che tu descrivi. Quando sono in gravidanza poi, mi aiutano a connettermi profondamente alla creaturina in pancia, creando una sorta di comunicazione sottile che razionalmente non riuscirei a decifrare.
    Ogni volta che coloro un mandala è come se scendessi più in profondità dentro di me e vedo emergere immagini, ricordi, pensieri, che magari non sapevo di avere "immagazzinato" ma stavano lì senza essere metabolizzati. I mandala mi purificano, mi calmano, mi rendono più chiara la visione delle cose.
    Grazie per questo bel post!
    Ti linko questo mio post sull'argomento, 'che magari potrebbe interessarti anche per i bimbi.
    Baci e buona continuazione

    RispondiElimina
  4. Ah, il link! :D
    http://www.naturalentamente.it/venerdi-libro-mandala-per-i-bambini/

    RispondiElimina
  5. Ebbene sì credo di essere anch'io nel tunnel...il mese scorso ho comprato un piccolo libricino per le mie mattine da "Costa" (le mamme in uk sanno!) davanti al solito "small cappuccino". Siccome mi piace sedermi e prendermela comoda, ho deciso di acquistare un mini librettino, tanto per cominciare...arriverò anche ai Mandala!
    Per ora sto utilizzando il mini set di colori di mia figlia (12 colori...molto zen!) che tengo sempre in borsa. Ma vorrei acquistare dei colori solo per me e sono indecisa tra i pennarellini fini come usi tu o le matite che io adoro! Cosa ne dici Federica?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Costa concilia la meditazione, spesso vado a prendermi un caffe' da sola li' (ho trovato un costa con un barista che mi fa un espresso macchiato da urlo e me lo accompagna con un bicchierino d'acqua!)! Io uso i colori a punta fine fine, tipo gel. I pastelli mi fanno venire il nervoso perche' non riesco bene a regolare la forza nella meno e ci metto di piu' a riempire gli spazi piccoli. Ma credo che siano il top per fare i mandala con sfumature. I colori tipo pennarelli a punta fine normale non mi piacciono perche' nelle spazi piu' grandi mi lasciano troppo il segno del tratto. Credo sia molto soggettivo cmq. Prova a fare un giro da WHS, qualche settimana fa ho preso li' la scatolato lunga di colori di tante sfumature a punta fine, erano in offerta! ;)

      Elimina
  6. .....mi avete contagiato....sono andata a comprare un libro di mandala....

    RispondiElimina
  7. Io non sapevo che esistessero fino a poche settimane fa. Mia figlia ha iniziato le scuole elementari quest anno. Quando nel pomeriggio va al dopo-scuola le fanno colorare questi disegni. Mi sa che proveró anch'io. Come idea mi sembra molto simile a lavorare ai ferri. Richiede una concentrazione estrema, ma al tempo stesso ti rilassa.

    RispondiElimina