In Galles con i bambini: itinerario di tre giorni

Avevamo a disposizione tre giorni per soddisfare la nostra voglia di cominciare ad esplorare il Galles e l'ultimo weekend di maggio e' stato il momento ideale.
Il Galles, Wales in inglese e Cymru in gallese, e' veramente ampio, suddiviso in diversi "county", e non e' assolutamente pensabile di poterlo esplorare tutto in tre giorni, salvo rimanere solo e soltanto al volante, cosa improponibile con tre bambini a bordo.ù

Le cose da fare e da vedere in Galles sono tantissime ed abbiamo dovuto fare una scelta.
Per effettuare la scelta ho iniziato a studiare mesi e mesi fa.
Il sito ufficiale del turismo del Galles e' fatto spaventosamente bene e molte informazioni necessarie le ho reperite li' andando poi a ricercare altro online.
Nella sezione delle "brochures" e' possibile ordinare gratuitamente (arrivano per posta in pochi giorni!) o scaricare i PDF delle guide diverse per zona, per tipologia di vacanza, per interessi. 



Dalla guida su dove giocare a golf in Galles a quella del famosissimo Snowdonia National Park, da quella dei soggiorni in fattoria e quella del Pembrokeshire.
E' quest'ultima regione del Galles che ci ha attirato e che abbiamo deciso di visitare per prima. 

Primo motivo perche' e'  la regione piu' a sud, per noi piu' facilmente e velocemente raggiungibile, secondo perche' e' l'unico Parco Nazionale Costiero della Gran Bretagna con spiagge, isole, paesaggi da sogno e terzo perche' volevamo andare con i bambini a vedere i Puffins - le pulcinelle di mare - che in primavera nidificano nell'incredibile Skomer Island (il post dettagliato sull'isola di Skomer con tutte le info pratiche lo trovate qui).




Noi siamo partiti in macchina da sud di Londra un sabato mattina alle 5.30. Queste potrebbero essere chiamate "partenze intelligenti" ed in effetti lo sono, visto che il traffico era praticamente inesistente, ma sono partenze che paghi a caro prezzo con tre figli.

Quando tu, genitore, affermi convinto "parto alle 5.30 intanto continuano a dormire in macchina" e loro ti stanno svegli e pimpanti tutto il tragitto, un po' ti penti della scelta azzardata e finisci a letto alle 8 di sera insieme a loro!


Primo Giorno: Londra - Tenby - Ostello della gioventu' a Broad Haven




La nostra prima tappa e' stato uno dei villaggi piu' pittoreschi del Galles, Tenby, arroccato sulla collina e piu' volte premiato per la bellezza delle sue spiagge che, affacciando in punti cardinali diversi, permettono al turista la scelta per quella meno ventosa giorno per giorno.


Macchina parcheggiata al di fuori delle mura cittadine e panini nello zaino e via tra le viuzze di questo gioiello del Pembrokeshire. 



La musica degli artisti di strada ci ha accolto, la gente in infradito, con secchielli da spiaggia e teli da mare sottobraccio ci ha sorpreso e fatto sentire subito in una localita' di mare viva ed attiva.

Prima di dirigerci in spiaggia, seguendo la folla, abbiamo visitato uno degli edifici piu' antichi di Tenby: Tudor Merchant's House, del National Trust, organizzazione di cui siamo membri da piu' di un anno.

Tudor Merchant's House - National Trust - Tenby
Qui abbiamo fatto un tuffo nel passato, a quando Tenby era uno dei porti marittimi piu' trafficati del Galles e le mercanzie scambiate passavano da qui. 


La casa e' rimasta come allora ed e' stato affascinante vedere con i bambini come vivevano all'epoca. 


Il nostro pranzo al sacco aspettava d'essere consumato, ed e' con la vista sulla spiaggia e sul pontile che ci siamo tolti la fame.



Il meraviglioso sole e un caldo anomalo ci hanno accolto e accompagnato in spiaggia, nonostante non fossimo per niente attrezzati, ma nessuno ci ha fatto caso!

Molo di Tenby

Tenby
Incontri impressionanti sulla spiaggia di Tenby: medusa gigante
Castle Beach - Tenby


Dopo pranzo ci siamo rimessi in marcia per arrivare al nostro alloggio, una camera famigliare - family room - nell'ostello della gioventu' di Broad Haven, un piccolo villaggio conosciuto per la sua spiaggia immensa. 

La spiaggia immensa con la bassa marea - Broad Haven - Pembrokeshire - Galles

Sentiero che dalla spiaggia porta all'ostello, immersione totale nel verde

Quando viaggiamo ci piace trovare anche il tempo libero per noi, quel tempo fatto di "niente da fare o da vedere o da visitare" ma solo gioco e momenti insieme e di solito questo tempo lo troviamo quando arriviamo nella base di esplorazione, in questo caso l'ostello. 

L'ostello della gioventu' in Galles, a Broad Haven, la cucina comune e la camera famigliare con 5 letti singoli.

Abbiamo sistemato le nostre cose nella camera "dei letti a castello", come la chiamano i bambini e poi siamo andati in esplorazione dell'ostello godendoci poi un po' di gioco nel giardino con racchette e frisbee messi a disposizione per i bambini. 
Questa e' stata la seconda volta in ostello con i nostri figli (la prima volta la trovate qui) e ne siamo rimasti di nuovo entusiasti!
Il corridoio delle camere con le bellissime porte.

Abbiamo preparato il panini e gli zaini per il secondo giorno, prontissimi per l'esplorazione della Skomer Island, partenza prevista molto, molto presto!

 
Secondo Giorno: Skomer Island

 
Il secondo giorno l'abbiamo interamente dedicato all'isola di Skomer, la riserva naturale e poche miglia dalla costa del Pembrokeshire nella quale nidificano i simpatici Puffins - pulcinelle di mare - ed altri uccelli marini, un vero paradiso naturale dove il tempo sembra essersi fermato e la natura regna sovrana.
La barca per raggiungere l'isola parte dal molo ai piedi della collina del Lockley Lodge Visitor Centre, come indicato nella mappa qui sopra.

Le Pulcinelle di mare in Galles - Isola di Skomer

Riserva Naturale Isola di Skomer - Galles
 
Il racconto completo di questo secondo giorno lo trovate qui



Terzo Giorno:  Spiaggia di Broad Haven - Castello di Pembroke - Londra



Dopo un'abbondante colazione nella sala da pranzo vetrata dell'ostello abbiamo deciso di goderci la meravigliosa spiaggia di Broad Haven di mattina presto. 

Sala da pranzo Ostello

L'ostello si trova a due minuti a piedi dalla spiaggia, raggiungibile da un sentiero pedonale in mezzo al verde. 
La bassa marea, il sole del mattino, la voglia di correre dei bambini hanno reso quell'ora in spiaggia prima di rientrare verso casa davvero rigenerante.

La spiaggia di Broad Haven - Pembrokeshire - Galles

Spiaggia di Broad Haven - Pembrokeshire - Galles
   
Sulla via del ritorno verso Londra ci siamo fermati a Pembroke, il capoluogo del Pembrokeshire, cittadina storica famosa per il suo maestoso Castello medievale, uno dei piu' grandi del Galles.

Pembroke Castle
Ci siamo lasciati guidare dai bambini, come ci piace fare quando visitiamo castelli. Sono ancora piccoli per seguire le visite guidate, per cui ci siamo muniti della piccola guida in biglietteria ed abbiamo letto qualche accenno storico via via che percorrevamo mura, esploravamo stanze e scalavamo torri. 




Il castello e' ben conservato e tutto e' curato nei minimi particolari, per non parlare dell'idea geniale che hanno avuto di costruire una mappa gigante, tipo murales, nel cortile del castello, una mappa nella quale i bambini possono giocare, correre, cercare castelli e "camminare" sul Galles!



La visita diventa apprendimento e non solo. 
Il divertimento ha raggiunto il culmine con lo spettacolo, in programma poco prima dell'ora di pranzo, di una compagnia teatrale famigliare che ha ripercorso in maniera tragicomica e in rima la storia del castello di Pembroke ed in particolare dei vari re e principi passati di qua. 



Risate, battute in rima, musica, coinvolgimento e partecipazione del pubblico sono stati gli ingredienti che hanno reso questo spettacolo teatrale memorabile anche per i bambini che ancora combattono con le spade di gomma in casa imitando gli attori di Pembroke!

Viaggiare nel Regno Unito con i bambini e' ogni volta una scoperta, perche' le attivita' fatte per loro, l'organizzazione,  il modo in cui promuovono il loro territorio, la loro storia e cultura e' un qualcosa dal quale dovrebbero in molti prendere esempio. 

Finisco con un po' di malinconia questo post, perche' la luce di quei giorni, il sole abbagliante, la meraviglia di quei luoghi c'e' rimasta dentro e cerco di ritirarla fuori in questi giorni grigi di inizio estate qui in Inghilterra. 


Link utili per visitare il Galles:

Sito di informazioni turistiche in inglese: www.visitwales.com   

Sito ufficiale del Pembrokeshire in inglese:
www.visitpembrokeshire.com 

Sito ufficiale in inglese del Parco Nazionale Costiero del Pembrokeshire:
www.pembrokeshirecoast.org.uk 

Sito uffuciale del sentiero costiero del Pembrokeshire, :
www.nationaltrail.co.uk

Sito dell'ostello della gioventu':
www.yha.org.uk/hostel/broad-haven

Sito in italiano del turismo in Galles:
www.visitbritain.com/it/it/galles


 






   
 

 

MaFa

MammaFarAndAway

5 commenti:

  1. Ok, quando ci torniamo INSIEME??
    Il villaggio con tutte le casette colorate mi ricorda tantissimo quello di Balamory, programma della cbeebies (che pero' e' ambientato in Scozia!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che vi abbiamo pensato mentre camminavamo in quei luoghi dicendo "qui dobbiamo tornarci con Miriam and Family"! Dobbiamo organizzarci! ;)

      Elimina
  2. Mi hai fatto morire parlando della partenza intelligente! Noi partivamo alle 4 nei viaggi di ritorno in Italia, ma le ultime volte ogni volta che mi giravo avevo gli occhi come fari di mia figlia che mi fissavano, devo dire che era pure impressionante, posto che se ne stava buona buona...Quando ha iniziato a stare sveglio pure il secondo e, soprattutto, con l'arrivo del terzo abbiamo deciso che non era più una partenza intelligente e stiamo vagliando altri metodi; il più gettonato è la partenza serale post cena. Ora con il camper sarà tutto più semplice...spero...
    Belli sti tre giorni, interessante soprattutto il fatto che ti mandino le guide, non è una cosa comune ed è un peccato per chi si organizza i viaggi per conto proprio.
    Ostello anche per noi in Islanda, sarà una prima volta, sono molto emozionata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Evvai Ele, con il camper farete partenze intelligenti, che spettacolo! Il fatto che spediscano le guide/brochure chiamiamole come vogliamo, e' uno spettacolo e mi era gia' successo con altri due viaggi qui in UK (isola di Wight e Cornovaglia!). Credo che per loro sia una cosa normale e secondo me dovrebbe esserlo per tanti altri paesi a vocazione turistica.
      L'ostello e' una figata, tutte persone alla mano, noi l'abbiamo trovato pulito ed avevamo pure il bagno in camera (spartano ma c'era!). Per i bambini lo trovo molto pratico ed educativo, viaggiare "alla buona" gli insegna ad abituarsi, adattarsi ed essere pronti ai loro viaggi in solitaria, perche' prima o poi partiranno in solitaria no?! E magari li seguiro' con un minicamper insieme a GEr! ah ah

      bacione

      Elimina
    2. Partiranno in solitaria sì!!!! Spero...
      Nel frattempo mia figlia mi ha chiesto se io e lei andiamo insieme a Zanzibar! Da sole, ma con il piccolo che deve mangiare :DD

      Elimina