Sensazioni pre-partenza California

Il mio corpo ha ceduto al peso di queste ultime settimane intense e per tre giorni mi ha costretto a riposo, alla respirazione profonda, al far niente, cosa per me molto difficile. 
La scuola è finita, il corso che ho frequentato da febbraio per perfezionare il mio inglese si è concluso, le attività dei bambini sono andate in ferie e noi adesso possiamo solo pensare alla partenza che si avvicina. 

Le sensazioni sono forti, non sarà un viaggio come gli altri, sarà qualcosa di molto di più. 
Sarà un sogno che si avvera, sarà la scoperta per me di uno dei luoghi più amati dal mio compagno di vita, colui che era quasi pronto per partire per quella terra prima di incontrare me e decidere che Dublino infondo andava benissimo per noi, giovane coppia innamorata. 
La California è qualcosa che rimbomba spesso in casa nostra, da anni. 
Era nella lista dei paesi che abbiamo studiato, analizzato e investigato su carta prima di decidere di trasferirci in Inghilterra.
La California è simbolo di tecnologia, con la sua Silicon Valley che attira BabboGè da sempre e che finalmente l'ha preso con lui, ma dandogli la possibilità di rimanere qui dove ci sentiamo a casa e andando là il giusto per respirare l'aria di quei luoghi e rientrare appagato. 
Andremo ad esplorare la terra dalla natura incredibile, dalle sequoie giganti agli orsi, dalle spiagge di sabbia ai laghi di montagna, dalle città elettrizzanti alle città fantasma, terra di buon cibo e ottimo vino, terra di surfisti e camperisti, terra di festival e musei e chi più ne ha più ne metta. 
Ho una chiara idea di cosa ci aspetta, è da novembre che programmiamo, leggiamo, prenotiamo, studiamo, riflettiamo su come inserire tutto il fattibile in tre settimane on the road in camper ed ammetto che sento già la sensazione del tempo che non basterà e la consapevolezza che ci sarà bisogno di tornare per vedere il resto. 

I bambini hanno partecipato alla stesura dell'itinerario, colorando le mappe, leggendo con noi le guide, guardando i reportarge della California su youtube e sentendo e condividendo con noi l'energia pre-partenza. 

Ci siamo, mancano 3 giorni ed ammetto che non mi sembra vero. 
Appena il pensiero mi va al volo di giovedì sento come delle farfalle nella pancia, sarò folle?
L'eccitazione si respira in casa, è tutto un saltare, un guardarsi dicendo "ma quando si parte?", un fare valigie, fare lavatrici, preparare zaini, mettere i tick alla checklist, fare gli acquisti dell'ultimo momento, cantare e litigare, far casino e andare a letto tardi (proviamo a posticipare la messa a letto serale per non essere totalmente traumatizzati dal fuso orario, ma ho seri dubbi che funzioni!) con la mia testa che non si ferma nonostante le liste delle cose da fare e delle cose da mettere in valigia pronte da un pezzo.

Siamo messi così, compresi i miei tre compagni di viaggio, quelli piccoli, perchè il grande è ancora preso dalle ultime giornate di lavoro!



"Paola, sai che partiamo?"
"Si"

"Dove andiamo?"
"In California"

"Lo sai cosa andremo a vedere?"
"Andiamo a vedere il biggest tree (albero più grande) del mondo, Lake Tahoe, le montagne e il mare e andiamo a San Francisco"

"Sai come viaggeremo?"
"Cosa intendi?"

"Con cosa ci spostiamo?
"Ah, l'aeroplano!"

"Intendo quando saremo là!"
"Ah, sì, il camper!"

"Sei contenta che andremo in camper?"
"Si, perché è veramente grande e perché ci sono tanti letti e possiamo dormire sù"

"Sei contenta di partire?"
"Sì, perché in California ci sarà caldo e perchè la California è grande e possiamo vedere l'ufficio di Babbo."

"Mamma mi fai un'altra domanda?"

"Allora, Paola, che lingua si parlà là?"
"La lingua californiana"

"Quante cose hai nel tuo zaino?"
mentre conta con le dita: "la mia pencilcase (astuccio), le mie lego cards, Merdu e il mio diario, i fazzoletti, un libro e la mia giacca per la pioggia".

"Sei emozionata per la partenza?"
"Cosa vuoi dire?"

"Se ti senti felice al pensiero che parti ed hai voglia di saltellare per la gioia?"
"Ah, sì sì mamma!"





"Lori, sta a te! Cosa ti aspetti da questo viaggio in California?"
"Niente"

"Mh, simpatico! Dai fai il serio?"
"Okay, allora... andare in canoa al Lake Tahoe, andare sul Golden Gate Bridge, andare a San Diego e Los Angeles e fare surfing"

"Sei pronto per l'avventura in camper?"
"Sì"

"Quali vorresti fossero i tuoi compiti?"
"Pulire il cesso!!! No scherzo, potrei rifare i letti, o mettere i cosi gialli sotto le ruote del camper quando ci fermiamo e occuparmi della musica"

"Tu lo sai vero che lingua si parla?"
"Sì, inglese americano"

"Cosa ti emoziona di più al pensiero di questa vacanza?"
"L'idea d'andare in camper dopo tanti anni che l'abbiamo noleggiato l'ultima volta. Mi emoziona l'idea d'andare a San Francisco ed andare a vedere tutta la città e andare in spiaggia."

"Cosa hai messo nel tuo zaino?"
"Per rispondere a questa ci metterò un pochino: la bussola, la torcia, la macchina fotografica, l'astuccio, un libro da colorare, tre topolini, il mio diario, l'ipod e una lego."


Mentre Daniele scappa in giro per casa provo a fargli le domande....

"Dai Dani sta a te!"
"No, non voglio essere nel tuo blog!"

"Dai sù, cosa ti aspetti dal viaggio in California?"
"Niente!"

"Sei contento di partire?"
"Yes!"

"Qual'è la cosa che non vedi l'ora di fare?"
"Di viaggiare in camper!"

"Dani, dove andiamo?"
"Ma dai mamma, lo sappiamo tutti, in California"

"E cosa vedremo?"
"Sequoia, Yosemite, San Francisco, Legoland, Lake Tahoe e San Diego"

"Dani cos'hai messo nel tuo zaino?"
"E' pronto in camera mia, puoi andare a vedere!" 

Lui e lo spirito di collaborazione sono una cosa sola....anche no!




Ho scritto il post tra una valigia e l'altra, cercando di tenere occupati quei tre che non si reggono più e cercando di far scorrere le ore di questi ultimi giorni di quotidianità nel modo più liscio possibile. 

Le amiche ed i followers più accaniti del blog mi dicono che non vedono l'ora di seguirmi. 
Io non prometto nulla, non sono una cacciatrice di connessione quando viaggio, perchè amo vivere i miei momenti irripetibili senza un cellulare in mano e senza il pensiero fisso alla condivisione istantanea, ma spero di potervi tenere aggiornati via via. Farò del mio meglio!

Buon viaggio a noi... San Francisco arriviamooooooooo!



MaFa

MammaFarAndAway

4 commenti:

  1. Buon viaggio a voiiiiiii!!!!!
    Siete strepitosi 😘😘😘

    RispondiElimina
  2. Mi manchi!!!!!! Certa che starete vivendo delle avventure incredibili, non vedo l'ora di poterti di nuovo leggere e di vedere le tue foto. Bacioni

    RispondiElimina
  3. Spettacolooooooo. Amo la California. Buon viaggio.

    RispondiElimina
  4. Ho sempre pensato che se mai fossi andata in America on the road, avrei messo A horse with no name nella radio lungo quelle strade infinite... buon viaggio a tutti. Sara

    RispondiElimina