California on the road: il nostro itinerario in camper (prima parte)

Decidere l'itinerario, includere le tappe che volevamo assolutamente fare e meditare sulle altre incerte è stata la parte più difficile dell'organizzazione del nostro on the road in camper in California appena concluso (27 Luglio - 15 Agosto 2017). 

Una scelta fatta dopo mesi di letture di guide di ogni tipo (vivendo in UK avevo a disposizione una scelta incredibile di  guide prese in biblioteca - credo che tutte le bibliotecarie ormai sappiano che mi stavo preparando per un viaggio in California). Ho esplorato i siti ufficiali del turismo e dei parchi nazionali della California, ho rigorosamente valutato le distanze, l'esatta localizzazione delle destinazioni e non sono mancati gli  street view su google maps tanto per farmi un'idea, un lavorone insomma!


Prima di proporvi il nostro itinerario, con le varie tappe, gli alloggi ed i campeggi selezionati in ogni località, devo fare una doverosa premessa
la scelta di questo itinerario è stata dettata dal nostro amore per la natura e per le camminate nel verde, dalla nostra voglia di vivere esperienze nuove non per forza uguali a quelle degli altri turisti che visitano questa parte degli Stati Uniti, dall'amore per i posti tranquilli e dall'insofferenza per il caldo, che per noi è motivo di stress e per i bambini di fastidio (credo che i nostri corpi si siano abituati alle temperature inglesi, per cui reggiamo volentieri fino ai 30 gradi circa, dopo per noi diventa insopportabile) e, last but not least, dalla voglia di avere anche del tempo "libero" per vivere un pò di dolce far niente in cinque senza dover stare per forza con il piede sull'accelleratore a fare chilometri e chilometri. 

Non siamo il genere di turisti che vanno nei luoghi solo per farsi una foto con lo sfondo meraviglioso, noi i luoghi vogliamo viverli, vogliamo percorrerli e sentirli nostri. Partiamo con la consapevolezza che non si può sempre vedere tutto e che è necessario fare delle scelte, seguendo cosa ci piace di più. 
Diciamo che ci piace la qualità più che la quantità. 
Non posso definirlo un itinerario "slow", perché in tre settimane abbiamo comunque percoso più di 3200 chilometri, ma lo posso definire solo "nostro" e ci è piaciuto da matti così!

Un itinerario in camper che ha reso il nostro on the road memorabile, perché la vita da camper unisce ancora di più e con i bambini è il meglio! Qui trovate tutte le informazioni pratiche da sapere per noleggiare un camper in California.

Nelle città come San Francisco e San Diego ci siamo spostati o con i mezzi pubblici o con Uber, la app con la quale, dopo aver scelto la destinazione, selezioni un'auto privata (noi scegliavamo XL visto che siamo in 5) e questa nel giro di pochi minuti arriva e ti porta poi a destinazione al prezzo prefissato dalla app stessa al momento del click ed il pagamento si effettua direttamente  tramite la app. 
Spesso Uber è risultato più economico rispetto a 5 biglietti per i mezzi pubblici, considerando che i nostri figli (11, 9 e 6 anni) sono ormai paganti a prezzo pieno ed in più ci ha permesso di raggiungere luoghi delle città non servite magari dai mezzi pubblici.

Speriamo di poter essere d'ispirazione a chi come noi volesse scoprire la California, quella fatta di natura, boschi e deserti, sentieri, sequoie gigante, laghi cristallini, spiagge infinite e qualche città imperdibile e tutta girata in camper. 




Giorno 1: London Gatwick - Oakland (San Francisco)

Abbiamo volato di giorno con un volo diretto di British Airways prenotato con molti mesi di anticipo (9 mesi) e diretto ad uno degli aeroporti secondari di San Francisco, Oakland (l'altro è San Jose) che ha il vantaggio, essendo più piccolo, di avere meno affluenza di viaggiatori e di conseguenza le file al controllo passaporti sono inferiori ed in generale c'è semplicemente "meno casino!".

Siamo arrivati a Oakland a metà pomeriggio, abbiamo chiamato un "Uber" (c'è la pensilina apposita dove si fermano gli autisti di queste nuove app di trasporto persone) e ci siamo diretti verso il nostro appartamento a San Francisco. 

Il tempo di sistemare le valigie nell'appartamento prenotato per 4 notti (tempo giusto per riprenderci dal fuso orario e per visitare la città in lungo e in largo) e ci siamo dedicati ad una passeggiata lungo il molo, arrivando fino al frequentatissimo Fishermans Wharf, tanto per non cedere alla tentazione del letto.

Fishermans Wharf - San Francisco

La scelta dell'appartamento centrale, a due passi da Ghirardelli Square, dalla fermata del Cable Car di Hyde Street e dai moli, è stata azzeccatissima e ci ha permesso di vivere la città al meglio, ritrovandoci nel cuore pulsante di San Francisco appena usciti dal portone della residenza. Al tempo stesso gli spazi dell'appartamento ci hanno permesso di stare "comodi" e di poter organizzare autonomamente le colazioni, i pranzi e le cene. 
Ho provato quella sorta di "soddisfazione da scelta del posto giusto" quando la receptionist ci ha informato che la terrazza era a disposizione di tutti i clienti: che vista!

Vista dalla terrazza del nostro residence a San Francisco



Alloggio: The Suites at Fisherman's Wharf, 2655 Hyde Street, San Francisco

Il nostro appartamento a San Francisco





Giorno 2: SAN FRANCISCO - Lombard Street e Golden Gate Bridge in bicicletta fino a Sausalito e ritorno in traghetto

Non avevamo definito esattamente cosa fare giorno per giorno a San Francisco, avevamo solo una lista di tutte le cose che avremmo voluto fare e vedere raggruppate per zone ed abbiamo deciso seguendo le nostre voglie, le nostre energie ed il tempo atmosferico, in modo tale da concentrarci su determinate aree della città un giorno alla volta. 

Tra le cose da fare che più ci attiravano c'era il giro in bicicletta sul Golden Gate Bridge fino a Sausalito, una delle cittadine nella parte nord della Baia di San Francisco (Marin County) con la possibilità di proseguire fino a Tiburon, un'altra località più a nord, ma per noi, con i bambini, troppo lontana da raggiungere pedalando.


Il jet lag ci ha fatto svegliare prestissimo ed alle 6.30 del mattino eravamo in giro per le salite e discese di questa città in direzione Lombard Street, approfittando del fatto che il noleggio non era ancora aperto e che a quell'ora la via più famosa di San Francisco sarebbe stata sicuramente deserta e non ci siamo sbagliati. 



Alle 8 eravamo davanti alla saracinesca di Blazing Saddle Bike in Hyde Street pronti per salire in sella alle nostre bici.  
Questo l'itinerario fatto in bicicletta con nebbia, vento, freddo ma una fortissima energia che ci ha fatto arrivare fino alla calda e soleggiata Sausalito:

 

Golden Gate Bridge in bicicletta

Nel pomeriggio abbiamo preso il traghetto che ci ha riportato a San Francisco, al Pier 43 e da lì abbiamo fatto un salto al Pier 39 per fare un saluto ai leoni marini che si sono scelti come casa un posticino niente male, con una vista pazzesca!


Leoni marini al Pier 39 di San Francisco




Giorno 3: SAN FRANCISCO - Cable car Hyde-Powell - Union Square - Chinatown - Cable Car Museum - Painted Ladies Alamo Square - Golden Gate Park - Lands End 


Anche il nostro secondo giorno a San Francisco è iniziato presto, prestissimo. 
Pochi minuti dopo le 7.30 del mattino eravamo comodamente seduti su uno dei cable car in partenza dal capolinea di Hyde Street, il punto in cui la carrozza viene girata manualmente e che di giorno è presa di mira dai turisti e la fila per salire può raggiungere anche i 90 minuti. 

Abbiamo evitato il casino e ci siamo goduti il giro in Cable Car scendendo al capolinea opposto in zona Union Square, il cuore di Downtown


Cable Car - San Francisco


Da lì abbiamo percorso a piedi un bel pezzo di strada fino al Cable Car Musuem, passando per Chinatown
Chinatown - San Francisco
Il Cable Car Museum è uno dei musei gratuiti di San Francisco che merita veramente una visita, soprattutto dopo essere saliti sul mezzo di trasporto storico della città. Tutto è spiegato in maniera curiosa ed è affascinante vedere la sala macchina dove vengono tirati i cavi. 

Cable Car Museum - San Francisco

Dopo la visita al Cable Car Museum abbiamo chiamato una delle macchine "Uber" e ci siamo fatti portare in un'altra zona della città, Alamo Square, dove ci sono le famose Painted Ladies, le casette vittoriane colorate più fotografate di San Francisco. 


The painted Ladies in Alamo Square - San Francisco

Da lì un altro Uber ci ha portato fino al Golden Gate Park per il nostro picnic nel parco giochi chiamato Koret Children's Quarter

Golden Gate Park

Dopo la doverosa pausa gioco ci siamo rimessi in cammino verso l'ultima destinazione della giornata, quella più attesa, quella dalla quale avremmo potuto godere di una vista spettacolare sulla baia e sul Golden Gate Bridge: Lands End
Dopo un tratto a piedi all'interno dell'immenso parco cittadino Golden Gate Park abbiamo chiamato un altro Uber per poter raggiungere la parte iniziale del sentiero dove si trova il punto panoramico Eagle's Point.

Lands End - San Francisco




Giorno 4: SAN FRANCISCO - Columbus Avenue - Little Italy - Coit Tower - Embarcadero - Pier 41 - Musee Mecanique - Ghirardelli Square 

Da espatriati all'estero non potevamo non andare a scoprire Little Italy e tuffarci in un pezzo di storia di questa città che ci affascina. 
Little Italy si sviluppa intorno a Columbus Avenue, chiamata anche Corso Cristoforo Colombo, ed ingloba buona parte del quartiere North Beach. 

Little Italy - San Francisco
 
Dopo un buon cappuccino e brioche ci siamo diretti verso Telegraph Hill per raggiungere Coit Tower, la torre dalla quale si ha una vista a 360° sulla città. 


Coit Tower - San Francisco


La discesa dalla collina l'abbiamo fatta invece dal lato "Embarcadero" per finire a far pranzo, con il nostro solito picnic, in una delle tante panchine lungo i moli sotto la luce magica di questa città.

Coit Tower vista da Embarcadero

Prima di tornare in appartamento per un piccolo pit-stop, ci siamo fermati al Pier 41, dove si trova un museo particolare, a ingresso gratuito, tutto dedicato ai giochi meccanici del passato, chiamato Musee Mecanique.

Una volta ripresi dalla stanchezza dovuta al jet-lag e alle poche ore di sonno notturne, siamo andati a  tuffarci nella folla di Ghirardelli Square, la sede originale della più famosa fabbrica di cioccolato americana, luogo amatissimo dai turisti di questa città.

Ghirardelli Square - San Francisco
 
L'ultima giornata a San Francisco l'abbiamo conclusa in spiaggia a giocare con la sabbia, pronti per salutare questa città e partire per il nostro on the road in California per i restanti 15 giorni. 





Giorno 5: San Francisco - Noleggio Camper a Oakland - Lake Tahoe


Il giorno tanto atteso del noleggio del camper è arrivato. Le condizioni dell'agenzia di noleggio dicevano chiaramente che il camper poteva essere ritirato dopo le 12, ma noi ci siamo recati nella sede in anticipo, per poter svolgere con calma le pratiche di noleggio (lunghe, tanti fogli da leggere e firmare e tante informazioni da assimilare). 
Se volete saperne di più sul noleggio camper in California potete leggere questo post

Abbiamo lasciato l'appartamento e con una macchina Uber ci siamo recati alla sede di Apollo a Oakland, scelta tra i vari motivi anche perchè vicina all'aeroporto di partenza, per cui più pratico per la fase di riconsegna camper e rientro a casa.

Mentre io e BabboGer eravamo impegnati nella lettura del contratto, assicurazione e spiegazione di dettagli tecnici, i bambini si sono tenuti occupati nella zona gioco. Il family friendly qui negli States è ovuque. 


Area gioco al noleggio camper - Oakland - California

Alle 2.00 del pomeriggio eravamo a bordo del camper, pronti per dirigerci verso la prima tappa del nostro on the road in California: Lake Tahoe


Da Oakland al meraviglioso lago alpino al confine con il Nevada ci sono circa 4 ore di strada, secondo il navigatore, ma per noi ce ne sono volute di più per due motivi principali: il primo perché ci siamo fermati a fare spesa ed il secondo perchè appena si noleggia il camper ci vogliono un po' di chilometri di strada per prenderci per bene la mano ed è giusto essere ancora più prudenti del  normale. 





Siamo arrivati al Lake Tahoe quando faceva già buio, accolti da un cielo stellato mai visto prima e pronti per addormentarci circondati dai pini che profumano di zucchero, i Sugar Pines


Cielo stellato al Lake Tahoe

Campeggio: Sugar Pine Point State Park Campsite, Hwy 89, West Shore Lake Tahoe, Tahoma, CH 96142




Giorno 6: Lake Tahoe

Aspettavamo con impazienza questa giornata interamente dedicata al Lake Tahoe, una delle mete più sognate del nostro itinerario in California, uno di quei posti segnati nella nostra "wish list" da tanto tempo (anche la mia amica Sabina ne aveva parlato nel suo blog ed aveva fatto aumentare la voglia di andarci). 



Lake Tahoe - California
 
Abbiamo scelto di campeggiare in uno dei campeggi nel West Shore, la zona ovest del lago, tra Tahoe City e Emerald Bay. Questa è una delle zone più selvagge, dove il turismo non è ancora arrivato prepotentemente e dove la natura regna ancora sovrana. 
Il campeggio era all'interno del Sugar Pine Point State Park,   non lontano dalla riva del lago che abbiamo raggiunto la mattina con una bella camminata a piedi.


Sugar Pine Point State Park - Lake Tahoe - California
 
Il nostro obiettivo era fare canoa e l'abbiamo raggiunto.
Abbiamo noleggiato la canoa per un paio d'ore vivendo una delle esperienze di famiglia più belle, di quelle che ricorderemo per tantissimo tempo!


Quando chiediamo ai bambini quali sono le esperienze che gli sono piaciute di piu' del nostro viaggio in California tra le risposte c'e' "quando abbiam fatto kayak nel lake tahoe". E' stata la prima volta in cui siamo riusciti a far canoa tutti insieme e in un posto da sogno. Il lake tahoe e' il paradiso dello sci in inverno ma d'estate si trasforma in paradiso dalle acque cristalline circondate da montagne ricche di vegetazione, dove il verde e l'azzurro si muschiano e diventano esplosione di luce. Io remavo e mi guardavo intorno, remavo e sorridevo, ho provato la pace dell'anima e la gioia infinita per quell'esperienza condivisa con loro e quel regalo della natura. E adesso dove li portiamo a far canoa? Troveremo un posto che regga il confronto? #mammafarandaway #mammafarandawayontheroad #laketahoe #laketahoe2017 #laketahoetrip #ilovelaketahoe #laketahoekayaking #kayak #kayaking #travellingwithkids #nature #discovering #californiaontheroad #californiaadventure #familytrip #tripofalifetime #familytime #havingfuntogether #unlimitedcalifornia #visitcalifornia #naturalcalifornia #ca_usa #castateparks
A post shared by Mamma Far and Away (@mammafarandaway) on


Il resto della giornata è stata dedicata al lago, alla vita da campeggio, alle passeggiate nello State Park e a un salto al punto panoramico di Emerald Bay, dove però in pieno pomeriggio ci è stato impossibile parcheggiare il camper. 





 
Giorno 7: Dal Lake Tahoe allo Yosemite National Park




Giornata particolarmente intensa di viaggio per noi. 

Decidiamo di lasciare molto presto il campeggio del Lake Tahoe consapevoli di tutte le ore di strada che ci attendo per raggiungere la prossima meta e per avere il tempo di fare uno stop nella meravigliosa Emerald Bay, che alle 7 del mattino non è di certo invasa dai turisti. 
Emerald Bay con la luce del mattino - Lake Tahoe - California
Lasciamo il Lake Tahoe e percorriamo la meravigliosa Hwy 395, una strada affascinante che attraversa la parte ovest della California, da nord a sud, passando per paesaggi incredibili, dalla Sierra Nevada ai deserti.

Fonte: Lonely Planet

La nostra idea era di fare una deviazione per andare a visitare la più grande città fantasma della California: Bodie State Park, ma la strada stretta e sterrata che ci siamo ritrovati davanti ci ha fatto cambiare idea. 
Con il camper a noleggio e con il rischio di fare eventuali danni lungo quella strada, abbiamo rinunciato e siamo tornati indietro, non dopo aver fatto un bel pranzo improvvisato con vista. 

Paesaggio intorno al Bodie State Park - California



La Hwy 395 costeggia uno dei laghi più particolari della California, il Mono Lake, famoso per le sue stalagmiti di tufo che fuoriescono dal livello dell'acqua. 
Noi ci siamo fermati nel punto panoramico a nord del lago per poi proseguire verso il Tioga Pass, la strada spettacolare che attraversa il Yosemite National Park e che nei periodi invernali (spesso fino a inizio estate) è chiusa al traffico.

Mono Lake dal punto panoramico lungo la Hwy 395


Entrare nel Tioga Pass da ovest ci ha permesso di attraversare la parte alta dello Yosemite e scendere poi verso la Yosemite Valley, dove ci aspettava la piazzola prenotata con 6 mesi di anticipo in uno dei campeggi spettacolari della vallata, per poi uscire dal lato sud e dirigerci verso il Sequoia nei giorni successivi, senza dover tornare indietro o ripercorrere la strada due volte. 

Lungo il Tioga Pass abbiamo fatto tanti brevi stop, godendo i panorami più belli ed entrando lentamente nell'atmosfera incredibile di questo parco nazionale californiano.



Siamo arrivati a metà pomeriggio nel nostro campeggio Lower Pines, uno dei campeggi centralissimi nel Yosemite Valley, ai piedi del Half Dome, uno di quei posti da sogno dove, una volta che i visitatori giornalieri hanno lasciato la valle, arriva solo il silenzio e sembra d'essere in paradiso. 

Campeggio Lower Pines - Yosemite National Park - California

Campeggio: Lower Pines Campground, Yosemite Valley



Giorno 8: Yosemite Valley in bicicletta


Questa è stata una delle giornate memorabili del nostro viaggio, una di quelle che sai che ti ricorderai per tanto, tanto tempo. 
A noi la bicicletta fa questo effetto, il pedalare tutti insieme, nella natura, il sorpassarci e chiacchierare con il vento sulla faccia e ridere per le cadute (immancabili con i bambini, per lo meno con i miei) rende questa esperienza qualcosa di speciale, se poi la scenografia di tutto ciò è la Yosemite Valley, allora diventa un sogno, un bel sogno di famiglia. 

A post shared by Mamma Far and Away (@mammafarandaway) on






Giorno 9: Dal Yosemite National Park al Millerton Lake verso il Kings Canyon e Sequoia National Park



Nel pianificare itinerari così lunghi è inevitabile sbagliare ed a noi è successo in questa nona giornata di viaggio.
Ci sembravano tanti i chilometri da percorrere per scendere verso sud, salutando lo Yosemite, per avvicinarci al Kings Canyon e Sequoia National Park.
Avevamo inserito nell'itinerario uno stop a Jamestown, dove si trova una delle location del film Ritorno al Futuro e volevamo visitare anche Columbia State History Park nella città di Columbia. 
All'ultimo momento, preoccupati per il caldo terribile di quei giorni e per la necessità di fare scorta di cibo ed arrivare al campeggio successivo in tempo per rilassarci un pò, ci siamo diretti verso il Millerton Lake State Recreation Area, senza visitare altro ed abbiamo sbagliato.



Non ci aspettavamo di trovare un paesaggio così desertico, così secco e un caldo atroce. 
Abbiamo provato a rilassarci, fare una passeggiata sulle rive del lago, ma il caldo ci ha buttato tutti giù.


In quel frangente abbiamo capito che avevamo fatto benissimo a non inserire nel nostro itinerario i luoghi caldi come Death Valley e tutti gli altri parchi famosi dell'ovest americano, i nostri figli e noi non avremmo retto quel caldo atroce di agosto.

L'obbiettivo era avvicinarsi al Kings Canyon, non era quello di patire il caldo! 
Ne abbiamo comunque approfittato per rilassarci, sistemare il camper, fare carico e scarico e cucinare una cenetta deliziosa. Tutto ha un senso in viaggio, sempre!


Campeggio: Millerton Lake Campground,



Giorno 10: Dal Millerton Lake al Kings Canyon e Sequoia National Park - General Grant Trail - Hwy 180

Alle 6 del mattino abbiamo lasciato le aride colline intorno al Millerton Lake per tornare nella natura selvaggia delle montagne, il Kings Canyon ci aspettava!



Abbiamo guidato fino al Kings Canyon Visitor Centre, tappa da fare quella nei visitor centre prima di entrare nei parchi, si prendono le mappe, si fa il timbro nei diari di viaggio e si prende il pacchetto per le attività del Junior Ranger Program, che i miei figli volevano assolutamente fare.

Gate del Kings Canyon
 
A pochi chilometri dal Visitor Centre si trova il General Grant Trail, un sentiero circolare che si estende tra sequoie giganti. 
Uno spettacolo naturale incredibile che ci ha lasciato con il naso all'insù per più di un'ora.  

General Grant Trail - Kings Canyon - California

Fortunatamente siamo arrivato al sentiero quando tanti turisti ancora dormivano ed abbiamo potuto camminare in una natura silenziosa, senza troppa gente intorno. Abbiamo percorso tutto il trail toccando ed annusando le sequoie, camminando dentro a quelle cadute,  sentendoci degli esseri minuscoli di fronte a una natura così maestosa.

General Grant - Kings Canyon and Sequoia National Park
 
Dopo il Grant Grove ci siamo avventurati verso la strada panoramica del Kings Canyon, la Hwy 180, ma non l'abbiamo potuta percorrere tutta perchè con il camper era troppo rischioso: strade strette, tortuose, con pareti rocciose pericolose. 

Lungo la Hwy 180 - Kings Canyon National Park - California

Ci siamo goduti il panorama e ci siamo diretti verso il campeggio spettacolare che ci attendeva, uno dei più belli della California: Dorst Creek Campground

Dorst Creek Campground - Sequoia National Park


La prima parte del nostro itinerario termina qui!
A prestissimo con la seconda parte e con gli approfondimenti di ogni tappa.

MaFa

MammaFarAndAway

Nessun commento:

Posta un commento