I 10 post più letti del 2017

Mancano davvero pochi giorni all'inizio delle vacanze scolastiche, momento in cui il tempo da dedicare al blog diventerà tempo da dedicare ai miei figli ed alla famiglia, qualcuno dovrò pur trascurare, no?
Così in queste ultime ore di libertà e di silenzio in casa mi concentro per scrivere uno degli ultimi post dell'anno e scelgo una delle modalità più amate: la raccolta dei post più letti del blog in questo 2017.

E' stato bello stilare una classifica perché nel farlo ho ripercorso questi ultimi 12 mesi e rivissuto parte delle emozioni ed esperienze condivise con voi nel blog, dai viaggi alle difficoltà che stiamo affrontando con il bilinguismo, dalla cultura inglese, che piano piano è sempre più nostra, all'italianità, dai luoghi spettacolari, che questa Inghilterra ci regala, alla nostra vacanza in camper in California e tanto, tanto altro. 

Parto dal decimo posto in classifica, seguitemi fino al primo!




Ci sono voluti giorni e giorni per documentare in un post la prima parte del nostro itinerario di 20 giorni in California, partendo da San Francisco, passando nella natura pazzesca della Sierra Nevada e scendendo fino alla città più a sud, San Diego per poi risalire fino a San Francisco. Un'immersione totale in questa California che ci ha fatto innamorare.
Nel post racconto della prima parte, la seconda è in fase di scrittura, arriverà ad anno nuovo, intanto se ve lo siete perso, il post del giro che abbiamo fatto in California in camper con i bambini lo trovate qui.



Un post che racconta del bilinguismo dei bambini e della predominanza che l'inglese sta avendo sull'italiano in quest'ultimo periodo. 
Crescere bambini bilingue non è per niente semplice e certe volte è davvero stancante, ma è solo guardando in faccia le difficoltà del bilinguismo (sono tante e le trovate qui), accettandole e affrontandole che riusciremo nel nostro intendo di crescere dei bambini perfettamente bilingue ed in grado di padroneggiare entrambe le lingue alla perfezione.





Nel mese di febbraio sono venuti a trovarci qui in Inghilterra i NonniFarAndAway e sono stati con noi per circa una settimana. Avevamo voglia di portarli a scoprire un po' di Inghilterra autentica e, conoscendoli, sapevo che si sarebbero innamorati dei Cotswolds, una delle zone rurali a ovest di Londra. 
Una campagna inglese costellata di piccoli villaggi dalle case in sassi e dei panorami suggestivi che hanno affascinato i miei genitori. 
Ho raccontato della nostra gita di un giorno da Londra ai Cotswolds in questo post e se capitate a Londra ed avete voglia di una gita in luoghi al 100% inglesi, dovete andare assolutamente a scoprire questa parte d'Inghilterra.



Nel mese di luglio ricevetti alcune critiche sulla pagina facebook del blog sul fatto che scrivo sempre cose belle di questa nostra vita in Inghilterra
Ho accettato la critica, l'ho analizzata ed ho ammesso che in effetti ho la tendenza a parlare delle cose belle del vivere in Inghilterra, ma ciò non significa che non ci siano aspetti dell'Inghilterra che non amo.
Ho provato a buttarli giù in post, per condividere quello che non mi piace dell'Inghilterra. Ho fatto del mio meglio, per lo meno ci ho provato, potete leggere qui




Uno dei post più recenti si aggiudica il sesto posto in questa classifica dei post più letti di quest'anno. 
E' un post che racconta di tutte le tradizioni e usanze di Natale in Inghilterra ed in generale nel Regno Unito, anche se in Scozia possono variare un po'. 
Sono andata in giro per negozi, mi sono guardata intorno con occhi curiosi (come sempre del resto!), ho fatto domande alle mie amiche inglesi e mi sono documentata accedendo alle fonti giuste, per raccontarvi come si vive il periodo natalizio qui in Inghilterra. Trovate il post qui.





Considerando l'impegno e la dedizione che ho messo per scrivere questo post, sono strafelice che si aggiudichi il quinto post in questa classifica del mio blog di vita dall'Inghilterra.
Un post ricco di curiosità e di modi dire in inglese, che è piaciuto soprattutto agli appassionati di cultura inglese, della lingua inglese e a coloro che amano le differenze culturali e ne sono affascinati quanto me.
Il post sui proverbi e modi di dire inglesi lo trovate qui.




Questo è uno di quei post che ho scritto con l'idea di fornire un articolo completo che raccontasse tutto quello che bisogna sapere per noleggiare un camper negli Stati Uniti, ed in particolare in California. 
Ho raccolto tutte le informazioni pratiche ottenute nei mesi di ricerca e quelle scritte e appuntate nel mio diario di viaggio, per creare una sorta di guida pratica sul cosa dover sapere prima di avventurarsi in una vacanza in camper in California. 
Il post è stato letto tantissimo e condiviso un sacco di volte e questa cosa mi fa piacere, perché poter dare informazioni corrette ed essere utile a chi sta progettando un viaggio in California, è per me un grande piacere. Sharing is caring!
Il post lo trovate qui.




Un post molto apprezzato che è nato dopo una delle sessioni più interessanti del "Chit Chat" al quale partecipo ogni mercoledì. 
Nel post (che trovate qui) c'è una raccolta di tradizioni ed usi e costumi inglesi da conoscere, che possono essere d'aiuto a chi sta muovendo i primi passi in Inghilterra e magari trova "bizzarre" certe abitudini, che non sono altro che usi e costumi di questo popolo d'oltremanica.





E' stata una delle esperienze più belle ed intense di questo 2017 ed averla condivisa con voi nel blog è stato un modo per contagiarvi con tutto l'entusiasmo e la passione che ho messo in questo piccolo progetto di pochi giorni da mamma un po' maestra. 
A distanza di mesi i bambini della classe di Dani mi salutano con dei gran sorrisi e qualcuno azzarda anche d "buongiorno" e questo mi fa pensare d'aver lasciato il segno in quella classe di bambini inglesi. 
Se vi siete perso il post, potete trovarlo qui.




Si aggiudica il primo posto nella classifica di fine anno dei post più letti del 2017 il post più profondo, intimo, riflessivo e personale che ho scritto quest'anno, che mi racconta e che spero possa essere d'aiuto a chi pensa all'espatrio e crede che sia tutto rosa e fiori. 
Non è così, per niente, e per affrontarlo al meglio e viverlo serenamente ci vogliono le qualità giuste, altrimenti la vita all'estero ti può schiacciare, ti può soffocare e può stare stretta, molto stretta e pure un po' scomoda.
Dopo 13 anni continuo a trovare la vita all'estero ancora stimolante e continuo a provare piacere nella scoperta quotidiana di cose nuove e di una nuova me, in continuo mutamento. 
Questo mi fa pensare che non tornerò mai indietro, MammaFarAndAway va ancora benone!





MaFa

MammaFarAndAway

2 commenti:

  1. Che idea carina che hai avuto! Beh, a me ispirano molto quelli sulla California e sulle Cotswolds <3 Ciao da Progetto Blog :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Roberta e grazie d'essere passata di qua!

      Elimina