California on the road: itinerario in camper (seconda parte)

La seconda parte del nostro itinerario in California ricomincia dal Kings Canyon e Sequoia National Park 
(la prima parte dell'itinerario in camper partendo da San Francisco la trovate qui).
Con il camper a noleggio abbiamo dormito in uno dei campeggi più belli della California, il Dorst Creek, nel parco nazionale Sequoia, uno di quei campeggi dove l'immersione nella natura è totale, dove si possono incontrare orsi, dove la notte le stelle sembrano talmente grandi da farti sentire più vicino al cielo e dove il solo rumore che si sente è quello della natura. 
E' da questo luogo incantato che abbiamo iniziato il nostro undicesimo giorno di viaggio in California con i bambini.


Giorno 11 (6 Agosto): Sequoia National Park (Sherman Tree Trail, Giant Forest, Crescent Meadow, Moro Rock, Lodgepole Visitor Centre)



Il modo migliore per apprezzare la natura incredibile di questi luoghi presi d'assalto dai turisti d'estate è essere mattutini. Alle 7 del mattino eravamo con il nostro camper nel parcheggio di uno sentieri più belli del Parco Nazionale Sequoia: Sherman Tree Trail

Dal parcheggio inizia il sentiero che ti fa immergere immediatamente nella foresta di sequoie giganti fino ad arrivare al famoso General Sherman
L'emozione di avvicinarci piano piano, di fermarci a leggere per capire la storia di questi giganti della natura nei pannelli esplicativi e cominciare a vedere la punta dell'albero più grande del mondo (per volume, non per altezza), era tutta in crescendo.
La bellezza di trovarsi in questi luoghi al mattino presto è indescrivibile: la luce che filtra dagli alberi, il silenzio intorno, la pace, il fresco del mattino, la possibilità di fare foto liberamente, con calma e tempo, tutto quel tempo per noi per immergerci in questo luogo dall'energia unica con il naso all'insù.



Il General Sherman era ovviamente il punto forte del sentiero e si capisce bene perchè!



L'immensità di questo gigante buono è qualcosa di incredibile, non facile da documentare con le foto; quella che sicuramente rende più l'idea è la seguente (guardate bene sulla sinitra, si vede un bimbo di 11 anni sulla staccionata):



Una volta concluso il nostro giro siamo usciti dalla parte bassa del sentiero dove si trova una delle fermate della navetta gratuita del Sequoia National Park. 
La navetta del Sequoia porta i turisti gratuitamente da un punto all'altro del parco, fermandosi in fermate prestabilite, in modo tale da aver meno traffico possibile per le strade della Giant Forest.


Mappa Shuttle Sequoia.
Fonte: https://www.nps.gov/seki/planyourvisit/parktransit.htm

Il Giant Forest Museum è stata la nostra seconda tappa per poi spostarci al Crescent Meadow e per ultimo il Moro Rock


Crescent Meadow - Sequoia National Park

Moro Rock - Sequoia National Park

E' nel tragitto in navetta tra il Crescent Medow e il Moro Rock che abbiamo visto gli orsi, una delle esperienze più incredibili del nostro viaggio in California (potete leggere degli orsi in California in questo mio post dedicato tutto a loro).


Orsi al Sequoia National Park

Un punto gettonatissimo dai turisti è il Tunnel Log, luogo ideale per scattare foto ricordo al Sequoia National Park.



Essendo stati mattutini abbiamo avuto modo di recuperare il nostro camper a metà pomeriggio e dirigerci verso il Lodgepole Visitor Centre per ritirare il secondo badge dei bambini, assaporandoci un'altro bel giuramento davanti al Ranger e fermandoci un'oretta per ascoltare lo "speach" del Ranger: la mezz'ora che il Ranger dedica ai turisti parlando di determinati argomenti relativi ai parchi. Il nostro era proprio sugli orsi, ed è grazie a lui che abbiamo imparato un sacco di cose interessanti!






Giorno 12 (7 Agosto): Dal Sequoia National Park a Santa Barbara




E' con le luci dell'alba che abbiamo lasciato la natura maestosa del Sequoia National Park per scendere verso sud e raggiungere la costa. 
Santa Barbara è la meta di questo dodicesimo giorno di on the road in California in camper.
Abbiamo lasciato le montagne e le foreste per attraversare colline ricche di vigneti, zone desertiche, dighe e laghi artificiali. 
E' in questi spostamenti lunghi che ti rendi conto di quanto i paesaggi californiani siano variegati ed incredibili e in queste 5 ore di viaggio in camper verso sud e verso la costa ne abbiamo colto l'essenza. 

Paesaggio California - Da Sequoia a Santa Barbara
Abbiamo raggiunto Santa Barbara in tarda mattinata, abbiamo parcheggiato il camper al Santa Barbara Sunrise RV Park e, dopo un pranzo veloce in camper, abbiamo raggiunto il centro utilizzando il servizio Uber.
In tutta sincerità passare dalla natura incontaminata del Sequoia al traffico e il casino della costa ci ha un po' sconvolto, ma la bellezza di Santa Barbara ci ha fatto passare lo shock rapidamente. 


L'atmosfera spagnoleggiante di questa cittadina californiana ti avvolge immediatamente. 
Abbiamo camminato dal lungo mare al centro della città, infilandoci nelle stradine laterali, perdendoci a leggere la storia del presidio e sentendoci travolti dalla tanta, tantissima gente in giro per le sue strade in un caldo pomeriggio d'agosto.


Un giorno a Santa Barbara


Giorno 13 (8 Agosto): Da Santa Barbara verso sud - Oceanside



Dopo aver faticato a dormire perché non abituati al rumore della città e rimpiangendo il silenzio della natura nei campeggi dei national park della Sierra Nevada, abbiamo iniziato il viaggio del tredicesimo giorno di on the road in California molto presto, direzione sud.


Finalmente imbocchiamo la famosa Highway 1 (Hwy 1), una delle strade californiane più conosciute e con viste mozzafiato sulla costa del pacifico.



L'idea iniziale era quella di fermarci a Malibu e a Santa Monica, ma dopo aver trovato qualche difficoltà nel parcheggiare il camper senza dover spendere una fortuna, abbiamo deciso di proseguire verso sud, consapevoli del fatto che ci attendeva una bella piazzola in un campeggio con piscina (i bambini non stavano nella pelle!) ed alla fine da queste famose località californiane, che ricordano i telefilm che guardavo da ragazza, ci siamo solo passati. 

La scelta è stata azzeccatissima per noi e per quel preciso momento del nostro viaggio in camper.
Avevamo bisogno di una giornata di relax, senza dover per forza esplorare e scoprire, ma solo assaporare il gusto del dolce far niente e divertirsi sotto il sole della California.



Dopo tanto, tantissimo, camminare ed esplorare, c'era bisogno di puro relax e semplice divertimento in piscina (oltre che averne approfittato per fare un paio di lavatrici utilizzando la lavanderia a gettoni del campeggio).



Giorno 14 (9 Agosto): Da Oceanside a San Diego - Aquatica Water Park San Diego - Chula Vista RV Park



Dopo una lunga e intensa riunione di famiglia mettendo a tavolino le varie "opzioni parchi" in zona San Diego, i bambini e noi adulti abbiamo scelto un parco acquatico. 
Un po' per questione di budget e un po' per il fatto che vivendo in Inghilterra i parchi acquatici all'aperto sono per noi un miraggio, questa ci sembrava una buona opzione da valutare.
Legoland ce l'abbiamo non lontano da casa e, dopo aver controllato sul sito, abbiamo visto che le attrazioni sono praticamente le stesse di Legoland di Londra e Disneyland sembrava non interessare ai miei figli (strani!?). 


Abbiamo passato una giornata di puro divertimento ad Aquatica prima di fare rifornimento cibo per il camper e poi  dirigerci al campeggio scelto per i giorni a San Diego, il Chula Vista RV Park che affaccia sulla bellissima San Diego Bay.



Giorno 15 (10 Agosto): San Diego (Old Town, Little Italy, Embarcadero, Ocean Beach, Point Lomas, Cabrillo Monument)




Abbiamo scelto i mezzi pubblici per esplorare San Diego e con un biglietto giornaliero di 5$ a persona abbiamo viaggiato con il famoso "trolley" e con i bus pubblici per spostarci da una località all'altra, camminando anche un sacco ovviamente, ma senza stressarci per la questione del parcheggio del camper e del traffico. 

In un giorno siamo riusciti a vedere alcuni dei luoghi imperdibili di San Diego. 

Abbiamo iniziato con un tuffo nel passato a Old Town San Diego State Historic Park, la parte vecchia di San Diego, conservata in maniera impeccabile tanto da sembrare d'essere in un vecchio film del far west con un tocco di Messico un po' ovunque!


Risalendo sul "trolley rosso" (la fermata è a un minuto dall'ingresso di Old Town) siamo andati a vedere la parte italiana di San Diego, Little Italy, con i suoi locali, le sue bandiere verdi, bianche e rosse e quell'aria così familiare. 


E' lampante e palese il punto in cui ci si trova nel bel mezzo di questa zona frequentatissima di San Diego, dove il via vai di turisti e americani alla caccia del locale italiano giusto per il pasto è una costante in qualsiasi ora del giorno. 



Lasciando Little Italy e Downtown a piedi e dirigendoci verso il mare, abbiamo raggiunto la zona Embarcadero, che con il suo San Diego County Waterfront Park, è un luogo piacevolissimo in cui fare un picnic, lasciar giocare i bambini o passare il pomeriggio in relax con la vista sulla baia. E' uno dei parchi gioco più belli mai visti durante i nostri viaggi. 

San Diego County Waterfront Park - Embarcadero

In questa zona della città c'è l'imbarazzo della scelta a livello di attrazioni ed il Museo Marittimo di San Diego si trova proprio qui. 
Noi abbiamo dovuto fare una scelta se perderci sui velieri storici o continuare ad esplorare altre zone, ed ha vinto la seconda opzione. 
Siamo saliti su un bus per raggiungere Ocean Beach, chiamata OB dai locali, una delle località sull'oceano più belle di San Diego, meta degli appassionati di surf ed uno dei luoghi migliori in cui vedere il tramonto a San Diego.



La vibrante e colorata Ocean Beach si trova non lontano da uno dei luoghi che volevamo assolutamente vedere: Point Loma e il Cabrillo National Monument.

Utilizzando il servizio Uber ci siamo fatti portare fino al Visitor Center, ai piedi del faro di Point Loma. 
Un altro National Park in cui poter ottenere l'ennesimo Junior Ranger Badge, immergersi nella storia delle esplorazioni, entrare nel faro e godere di una vista spettacolare su tutta la baia e la città di San Diego. 





Con il bus siamo rientrati in centro a San Diego per mangiare una delle pizze italiane più buone mangiate all'estero (grazie Little Italy) e con il "trolley" siamo rientrati al nostro campeggio per riposarci in vista del secondo giorno a San Diego. 


Giorno 16 (11 Agosto): San Diego (Mission Bay, La Jolla)




Dopo la prima giornata intensa in giro per San Diego con i mezzi pubblici, decidiamo di spostarci con la nostra casa viaggiante per andare a passare la mattinata a Mission Bay, una baia a nord di San Diego ricca di spiagge, aree ricreative e possibilità di fare sport acquatici. 
L'idea era quella di noleggiare le canoe, ma nessun noleggiatore ci ha permesso di andare con tre bambini su due canoe, ci sarebbe servito un adulto in più, pazienza, rinunciamo all'idea. 
Abbiamo ripiegato sul noleggio di un risciò, non proprio la stessa cosa, ma le risate non sono mancate. 



La seconda tappa della giornata è stata La Jolla, un'altra famosissima località di San Diego presa d'assalto dai turisti (parcheggiare il camper non è stato semplice). 
Ci siamo diretti a piedi verso Children's Pool, la famosa spiaggia costruita in principio per i bambini e diventata la "piscina" di tante, tantissime foche che popolano questo tratto di costa nel quale la balneazione è sconsigliata (per l'elevata carica batterica dell'acqua) come pure l'avvicinarsi a questi animali (consigli non sempre rispettati dai turisti). 


Children's Pool - La Jolla


Turisti e foche a La Jolla - nonostante i cartelli indichino chiaramente di non avvicinarsi

Dopo un giro sul lungo mare ci siamo ridiretti al camper per un pranzo veloce e su grande richiesta dei piccoli viaggiatori siamo rientrati al campeggio per godere di un pomeriggio in piscina. 


Giorno 17 (12 Agosto): San Diego - Pismo Beach State Park - Oceano Dunes 





Partenza all'alba in questo diciassettesimo giorno d'itinerario in camper in California. 
Ci aspettano circa 500 km di strada ed è la prima parte della nostra salita verso nord in vista della conclusione del nostro tour circolare californiano, un'altra immersione nei paesaggi contrastanti di questa terra meravigliosa. 




Abbiamo attraversato Los Angeles con il suo casino e le sue numerose corsie (che impressione!) ed abbiamo attraversato una parte del Los Padres National Forest, approfittando del panorama spettacolare del Lago Cachuma per fermarci a fare pranzo in camper. 



La prima tappa di questa risalita verso nord è stato il Pismo Beach State Park. Abbiamo occupato la nostra piazzola   al Oceano Campground, prenotata qualche giorno prima, uno dei due campeggi del parco, a due passi dalla famosissima spiaggia di Oceano Dunes State Vehicular Recreation Area
Il nome fa effetto, in sostanza è una spiaggia immensa in cui sono ammessi i veicoli, per cui mentre fai castelli di sabbia o ti tuffi in mare, i veicoli più disparati ti passano accanto. 
E' stata una delle esperienze più "americane" che abbiamo fatto in questo nostro viaggio in California. 





Giorno 18 (13 Agosto): Oceano Dunes - Pinnacles State Park - Salinas Monterey



Dopo una delle riunioni famigliari per discutere la prossima tappa abbiamo deciso all'unanimità di dedicare il diciassettesimo giorno di viaggio in California ad un National Park poco conosciuto, ma spettacolare. 
L'alternativa era fare chilometri in camper per vedere le famose località di mare della costa, ma a noi, amanti camminatori ed ai bambini, piccoli Ranger in erba, attirava l'idea di andare ad esplorare il Pinnacles National Park e non ci siamo per niente pentiti della scelta, anche perché abbiamo capito che i National Park americani non deludono mai.



Resti di eruzioni vulcaniche di milioni e milioni di anni fa hanno fluito e sono scivolati fino ad andare a formare quest'area incredibile fatta di pinnacoli e grotte. 

Noi abbiamo optato per parcheggiare il camper al Chaparral Trailhead Parking, nell'ingresso ovest del parco, per poter percorrere un sentiero circolare fattibile con i bambini e soprattutto affascinante per la possibilità di inoltrarsi nelle grotte chiamato Balconies Cliffs-Cave Loop.


Pinnacles National Park

E' stata una delle escursioni più belle fatte con i bambini e l'essersi arrampicati in quelle grotte al buio resterà per loro un ricordo indelebile, non supportato da foto o video visto che lo spazio angusto e il bisogno di usare le mani non ci ha permesso di documentare quei momenti, ma sono convinta che la memoria basterà!

Ultimo Junior Badge per i bambini e ultimo giuramento (sempre emozionante!) e via verso il campeggio Koa a Salinas


Giuramento Junior Ranger




Giorno 19 (14 Agosto): Salinas - Silicon Valley - Del Valle Campground



La sensazione d'essere giunti al termine del nostro itinerario in California è forte ed il penultimo giorno di vacanza lo dedichiamo a una cosa particolare e insolita: andiamo in Silicon Valley, a Sunnyvale, ed abbiamo avuto la fortuna di poter entrare in uno degli edifici che ospita l'immenso ufficio della start up tecnologica per la quale lavora BabboGer. 
E' stata un'esperienze meravigliosa perché gli uffici open space di queste aziende tecnologiche sono qualcosa di spettacolare. 
Se fino a quel momento i bambini si erano convinti che da grandi avrebbero voluto fare i ranger nei Parchi Nazionali degli Stati Uniti, dopo aver visto quell'ambiente hanno cambiato idea ed hanno detto che vogliono diventare ingegneri! Credo sia stata la mensa, lo spazio all'aperto, la sala giochi e l'area barbeque ad avergli fatto cambiare idea.

Abbiamo girato per le vie intorno a Google raccontando ai ragazzi di tutto quello che nasce ed è nato in quest'area in termini di invenzioni e tecnologia. Un viaggio particolare per loro e per noi.



La fase di preparazione della riconsegna del camper per il giorno successivo per noi è iniziata e le cose a cui pensare sono davvero tante, un po' come un piccolo trasloco. 
Decidiamo di scegliere un campeggio non troppo distante dalla sede del noleggio camper di Oakland, per poter essere facilmente da loro la mattina successiva, prima delle 10,  dopo aver fatto il pieno di gasolio, svuotato le acque nere e grigie e aver pulito tutto il camper (queste alcune delle condizioni per poter aver indietro il deposito cauzionale). 

Scegliamo quindi un campeggio nel Del Valle Regional Park, nella east bay, per soddisfare un'ultima volta il nostro bisogno di stare in mezzo alla natura.



Per l'ultima notte dormiamo sotto a un cielo stellato e con il solo rumore dei caprioli liberi nel campeggio Del Valle Campground pronti per l'ultimo intenso giorno in camper, quello più difficile per tutto il da fare per svuotare la nostra casa viaggiante dopo due settimane in giro per la California.


Giorno 20 (15 Agosto): Del Valle Campground - Apollo RV Oakland  - Oakland Airport ---> Londra



Mattinata intensa ed impegnativa quella della restituzione del camper a noleggio, il tutto per non avere problemi al momento del controllo del "bestione" che è stata casa nostra per tutti questi giorni. 
Le agenzie di noleggio sono molto pignole e tutto deve essere lasciato come richiesto nei fogli esplicativi: lavandini puliti, spazzatura buttata, acque svuotate, gasolio a livello, bagno pulito e altre piccole cose che possono variare da noleggio a noleggio. 
L'agenzia ci aveva indicato la "Dump Station" più vicina a loro per poter fare lo scarico delle acque proprio all'ultimo momento e così è stato. 
Alle 10.00 eravamo all'agenzia di noleggio con il camper pronto per essere ridato e la caparra pronta per essere restituita (tutte le informazioni sul noleggio del camper in California le trovate in questo post).




La sensazione di tristezza ci avvolgeva, dovevamo salutare il nostro Minnie Winnie, compagno fidato d'avventure che ci ha scarrozzato per più di 2000 chilometri in giro per questa terra spettacolare che è la California. Ha assistito ai nostri pranzi e alle nostre cene spartane, ha sopportato le nostre grida e il nostro casino e ci ha fatto sentire a casa. Ci si può affezionare a un camper? Credo di sì, ed il nostro Minnie Winnie farà parte dei nostri ricordi per un bel po'!
E' stata un'avventura incredibile, vissuta a modo nostro, coinvolgendo i bambini nella scelta del cosa fare e rispettando il nostro modo d'essere, senza per forza farci trascinare dalla popolarità di certe località rispetto ad altre e riuscendo sempre ad apprezzare luoghi meno conosciuti ma altrettanto belli. Grazie California, torneremo presto!



Tutti i post del nostro viaggio in California in camper li trovate qui. 




MaFa

MammaFarAndAway

Nessun commento:

Posta un commento