Questione di sguardi

Siamo finalmente ritornati a casa nostra a Dublino. 

Dopo la settimana di mare di settembre, BabboFarAndAway ci ha lasciato qualche settimana in Italia dai nonni, mentre lui è rientrato al lavoro qui a Dublino (giorni di ferie finiti per lui). 
Siamo talmente abituati ad essere sempre noi 4 che la mancanza di Babbo si è sentita, l'abbiamo sentita tutti e 3.
Lorenzo lo cercava spesso, soprattutto la sera ed io mi sentivo un po' persa in quei momenti di stress in cui mi ritrovo ogni tanto con questi 2 marmocchi da gestire.

Lui è il mio calmante, la mia tranquillità e la metà che mi compensa, senza di lui mi sento un po' persa e incompleta!

Questo mese di Italia ci ha fatto comunque bene.
 
Siamo ritornati a casa a Dublino ricaricati e con un bel bagaglio di esperienze e coccole ricevute e con la giusta dose ricevuta di sole e caldo. 

Daniele è cresciuto e sembra che se la intenda sempre di più con il suo fratello maggiore. 

Lori gli si avvicina, gli parla, viene con me e mi aiuta ad addormentarlo, gli da' il ciuccio se piange e suona le maracas quando Dani ha le coliche (sembra che il suono forte delle maracas di Lori siano l'unico antidoto per far calmare Daniele durante le terribili coliche).

Lori è molto intraprendente con il fratello, ma questo richiede la mia sorveglianza costante, perché l'incidente è dietro l'angolo, visto che con i suoi soli 2 anni non ha ancora ben chiaro cosa deve e non deve fare con il fratellino che non è un bambolotto!

So che questa avventura con questi due maschietti così ravvicinati sarà "challenging" e che mi prenderà tantissima energia, ma i loro sguardi e l'intesa che sta nascendo mi ripaga di tutta la fatica.
Il poter fare tutto insieme, il poter giocare con uno e con l'altro più o meno nello stesso modo, il fargli fare il pisolino insieme e cambiargli ancora il pannolone insieme è molto pratico!
Per lo spannolinamento di Lori ci penserò appena possibile e appena sarò un po' meno impegnata!

0 comments