Sorprese

Domenica mattina qualunque. 
Ore 7.30, io già ai fornelli a preparare la pasta fredda per un picnic con destinazione ancora da decidere.
Squilla il telefono, mio padre che vuole assolutamente parlare con BabboGer "il tecnico" per un problema con il pc, ed io che penso "ma guarda questo che alle 7.30 chiama per un pezzo del pc rotto". 
BabboGer scende in cantina per controllare se ha un eventuale pezzo di ricambio ed io che penso "ma guarda questo che scende in cantina alle 7.30 per cercare un pezzo di ricambio".

Rientra in casa, chiude la porta, io mi giro e mi ritrovo il faccione sorridente di mio papà davanti e sento la voce di mia madre in sala che sbaciucchia i nipotini.
Lacrime a pioggia per me che dopo questi due giorni terribili di inizio scuola avevo bisogno di smettere di essere genitore e fare un po' la figlia con la mia mamma e il mio papà.
Lacrime e gioia, gioia pura.

Che emozione, e che goduria le sorprese!
Questo è il bello dell'essere expat vicino al confine ed essre raggiungibili in macchina. Se altri vogliono farci sorprese sono ben accette, vi aspetto!




0 comments