La Reserve Biologique des Monts D'Azur

La Costa Azzurra ci riserva sempre grandi sorprese ogni volta che ci addentriamo nell'entroterra. 
Questa volta ci allontaniamo dalla costa e andiamo in uno dei posti piu' selvaggi e incontaminati delle Alpi Marittime: La Reserve biologique des monts d'azur (la riserva biologica dei monti d'Azur).


E' il famoso "passaparola" che ci ha fatto conoscere questo posto: i nostri vicini di pianerottolo, gli unici che amano i bambini, sara' che sono dei nonni, ce ne hanno parlato benissimo, ci hanno fatto incuriosire. Dopo qualche ricerca online siamo pronti: gita della domenica...arriviamo!
Lasciamo la costa e dopo poco piu' di un'ora di strada, curve e tornanti passiamo la famosa localita' sciistica di Greolier e prima d'arrivare al villaggio di Thorenc troviamo la Riserva.



Una distesa di prati e boschi, che prima erano destinati alla caccia, che ora sono una vera e propria riserva, gestita in maniera impeccabile e fortemente voluta da un veterinario francese che con sua moglie hanno preso in mano il territorio e ne hanno fatto una zona protetta.



E' a bordo di un "caleche" che ci addentriamo in questo paesaggio selvaggio in cui poter osservare le specie lasciate in liberta' in un territorio in cui si riproducono e vivono liberamente.
Siamo pronti ad incontrare bisonti, cavalli, cervi, caprioli e cinghiali.
Saliamo a bordo del calesse, ci posizioniamo davanti per poter avere una visione migliore.



E la visione ce l'abbiamo, soprattutto sul di dietro del cavallo!
Qualcuno avrebbe potuto dircelo che il cavallo avrebbe prodotto escrementi durante la corsa e che questi escrementi, uniti alla terra, sarebbero schizzati sui viaggiatori "furbi" seduti nei posti davanti!?

Finche' la velocita' e' moderata la cosa e' gestibile, basta stringersi un po' ai passeggeri indietro, ma quando simpaticamente il fantino decide di farli partire al trotto allora gli schizzi sui sedili arrivano, ed io e Babbo a proteggere i nostri marmocchi che ridono e noi ridiamo piu' forte!!!

Questa si' che e' avventura e che e' immersione pura nella natura piu' vera!
Il giro in calesse dura piu' di un'oretta, e' uno spettacolo, avvistiamo cervi e bisonti e la guida ci spiega i loro comportamenti, ci incuriosisce e cerca di mantenere viva l'attenzione di bambini, anche se sono un po' piccoli per questo e, soprattutto, non vedono l'ora di divertirsi e ridere di nuovo con gli schizzi di cacca dei cavalli!


 



Ci dicono che siamo fortunati ad essere qui in questo periodo perche' sembra che i cervi siano a caccia di donzelle e che spesso si verificano lotte tra maschi per appropriarsi di una parte di femmine del branco. 


 


La Riserva e' attrezzata di ristorante, servizi e parco giochi, noi ci fermiamo a fare giocare un po' i bimbi prima di dirigerci al Lac de Thorenc.

A 5 minuti di macchina dalla Riserva c'e' questo bel laghetto attrezzato con tavoli da picinic e sentieri pedestri. Ci "spazzoliamo" la nostra pasta fredda "home made", che ormai non manca mai nelle nostre gite fuoriporta, e poi facciamo sfogare i marmocchi che corrono, giocano liberi in questo paradiso di luce, colori e acqua, prima di ripartire per il viaggio di rientro.



Info Pratiche:

Indirizzo:  Domaine du Haut-Thorenc - 06750  Andon. Coordinate GPS 43°48’20’’ N - 6°50’43’’ E

Orari: Nel periodo delle vacanze scolastiche la riserva e' aperta dalle 10 alle 18, con partenze dei calesse alle 10, 11.30, 13.30/14.00, 15.00 e 16.30. E' consigliato prenotare prima di arrivare in loco.
Al di fuori dal periodo delle vacanze scolastiche la riserva e' aperta dal mercoledi' alla domenica dalle 10.00 alle 17.00.
La riserva chiude generalmente da meta' novembre a meta' dicembre.

Servizi: oltre al servizio ristorante e al parco giochi, e' possibile soggiornare in ecotende o nell'edificio principale. Per piu' info consultate la sezione soggiorni del sito della Riserva.






MaFa

MammaFarAndAway

Nessun commento:

Posta un commento