La nostra esperienza con airbnb

Avevamo un itinerario da calcolare, decidendo le nazioni da attraversare e le ore di guida giornaliere da fare. Il tutto considerando pure un po' di meritato riposo e inserendoci delle tappe interessanti in cui fermarsi.
Tutto questo per il nostro viaggio di ritorno in automobile dall'Italia all'Inghilterra.

L'andata, che ho raccontato qui, l'abbiamo in fatta in meno di 48 ore, ma per il ritorno ci siamo presi tre giorni, fermandoci due notti fuori e facendo un po' i turisti.

La parte piu' difficile dell'organizzazione del viaggo e' stata la ricerca dell'alloggio. 

Perche' siamo in 5, perche' Popa non ha piu' l'eta' da "lettino",  perche' abbiamo un budget da rispettare, perche' ci piace essere autonomi ed avere spazi ampi per i bambini.

Non sono mai stata una fan degli hotel, mi piace essere autonoma durante i viaggi e da quando ho figli ancora di piu'.


Sono una di quelle che si porta dietro il necessario per fare i pranzi al sacco e solo in rari casi ci concediamo cene o pranzi nei ristoranti.


Ci piace viaggiare cosi', "alla buona", uno stile che si addice benissimo a noi ed ai nostri tre figli.

Ho aperto la mappa di airbnb ed ho cominciato a cercare gli alloggi lungo il nostro tragitto, nei paraggi delle zone in cui avevamo stabilito di fermarci per la notte.

Abbiamo sperimentato
airbnb, il portale di prenotazione di case di privati, la prima volta nell'estate del 2014. 

Eravamo in piena fase trasferimento in UK, avevamo bisogno di un alloggio spazioso per noi 5 durante le nostre prime 2 settimane a Londra.

La casa prenotata tramite airbnb era di una famiglia inglese in vacanza in Canada proprio in quelle due settimane.




In questo caso non abbiamo incontrato il proprietario, ma un'amica ci ha consegnato le chiavi e spiegato alcune cose sulla casa. 

Non vi dico la gioia dei bambini nel dormire in camerette arredate piene di giochi e libri. 


Una casa su tre piani, con un bagno immenso, una cucina americana e un bel giardinetto. 
Il tutto a due passi dal centro di una cittadina alle porte di Londra.


Prenotando di nuovo con airbnb eravamo consapevoli che non avremmo trovato la stessa soluzione, ed in parte questo e' anche il bello. 

Con airbnb puoi trovare case, bed and breakfast, appartamenti, stanze o ville, ogni struttura e' spiegata nel dettaglio con un scheda tecnica e con foto.

Nel viaggio "on the road" dal nord Italia all'Inghilterra, ci siamo fermati una notta nella bellissima cittadina di Colmar e una notte in Belgio, a poche ore da Calais.



Colmar - Alsazia - Francia
A Colmar abbiamo alloggiato in un appartamento con airbnb non lontano dal centro, al secondo piano di un palazzo, soppalcato, con una cucina spaziosa, molto spartano ma pratico. In questo caso la casa era "abitata" ed il proprietario ce l'ha ceduta per una notte. 

Questo lo si capiva da tutto quello che c'era in frigo e in cucina, insomma si percepiva che era un appartamento "vissuto".

Appartamento Airbnb a Colmar
Anche qui giochi a volonta' per i bambini e relax per noi. 

Perche' quando loro si divertono e sono impegnati, per noi e' il momento di pace. 

La seconda notte abbiamo deciso di fermarci in Belgio,  scegliendo una struttura in mezzo alla natura, nel cuore delle Ardenne, nel  "Parc Naturel de la Haute-Sûre" tanto per rilassarci e riprenderci dalla fatica del viaggio. 
Sorpresa delle sorprese, siamo arrivati in una "casa delle favole", cosi' la chiamavano i bambini. 

Airbnb in Belgio
Un vecchio casolare ristrutturato in legno e pietra, un giardino tutto per noi con parco giochi, un'accoglienza strepitosa da parte di Clairette, la proprietaria di questo alloggio.



Airbnb Gites les 7 frenes - Ardenne - Belgio

Questo e' stato il miglior airbnb fin'ora provato, nel senso di contatto con l'Host, accoglienza, calore umano e condivisione, quella sensazione di "tu sei mio ospite con piacere", "noi siamo tuoi ospiti con gioia". 

Quel cesto di frutta fresca tutto per noi, le uova delle sue galline, il latte delle mucche delle Ardenne, la birra artigianale ed il pane ancora caldo sono stati un "welcome" piu' che gradito. 



Ci siamo perse in chiacchiere io e Clairette, mentre i bambini provavano la solita ebrezza dello scoprire un'altra casa ancora. Perche' anche a loro airbnb piace, e' come "scartare un gioco nuovo ogni sera" e la loro domanda del mattino, durante questi viaggi, e' "in che casa dormiamo stanotte?".



La magia quei miei tre marmocchi l'hanno vissuta in mansarda, sono rimasti a bocca aperta vedendo una vera e propria "play room" tutta per loro, piena di giochi in legno e libri mentre io e BabboGe' ci dedicavamo alla preparazione della cena.

 
Che dire, ci siamo seriamente rilassati noi genitori ed io ho avuto quella "soddisfazione da organizzatrice di viaggio" rendendomi conto che, dopo tante ricerche e serate passate al pc, ho fatto un'ottima scelta!

Scegliere le strutture giuste con airbnb quando si viaggia con bambini richiede tempo ed attenzione. 


Gli alloggi proposti sono di mese in mese piu' numerosi, la scelta e' veramente tanta e noi l'abbiamo fatta seguendo queste accortezze:


- verificare che la descrizione dell'alloggio rispecchi le nostre esigenze, generalmente quelli piu' "family friendly" sono chiaramente segnalati con la voce "per famiglie e bambini".




- leggere attentamente le recensioni dei "guests" che hanno gia' soggiornato nella casa. Spesso si trovano informazioni in piu' relative per esempio alla distanza dal centro citta', alla veridicita' delle foto, ai servizi e magari alle loro esperienze con i bambini.
Essendo airbnb una community basata sulla condivisione, io stessa pongo molta attenzione nella stesura della recensione, in modo tale da dare consigli pratici sulla struttura a chi si appresta a prenotare. 
Sia l'Host che il Guest sono soggetti a "review" e le recensioni vengono pubblicate solo nel momento in cui entrambi i soggetti l'hanno completata e inviata a aribnb. Questo rende sicuramente le recensioni piu' veritiere. 


- verificare il prezzo, a settimana, al mese o a notte, ed eventuali extra (in alcuni casi per esempio le persone in piu' pagano un supplemento altri fanno pagare la pulizia..). Airbnb applica inoltre un costo di servizio, che dipende dal costo totale della prenotazione e varia tra il 6% e il 12%.


- attenzione ai "termini di cancellazione" di airbnb, cambiando a alloggio ad alloggio vi troverete alcuni Host piu' flessibili, altri piu' rigidi. 
I termini di cancellazione vengono chiaramente descritti nel portale aibnb in questo link


- non aver paura di chiedere chiarimenti all'host al momento del primo contatto, questo e' utile anche per capire con chi ci troviamo a che fare (persona flessibile, disponibile, amichevole, fredda, scontrosa...).


Viaggiare con airbnb non e' come andare in albergo, e' un altro modo di affrontare il soggiorno in un appartamento o casa.

Ogni struttura ha le sue peculiarita', i suoi pro e contro, ed a questo deve essere pronto colui che decide di viaggiare utilizzando questo portale.

Ci vuole spirito d'adattamento e un giusto pizzico di curiosita' per rendere questi soggiorni speciali, tutte caratteristiche che i miei piccoli viaggiatori hanno acquisito alla grande!

MaFa

MammaFarAndAway

7 commenti:

  1. noi d'estate giriamo l'europa in auto e abbiamo affittato un sacco di case alcune bellissime! è bellissimo girare il mondo così, ci si sente davvero a casa. e per i bambini è meraviglioso non essere in luoghi anonimi (e anche per noi!). ciao e buoni prossimi viaggi!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' davvero bello! Amo i viaggi "on the road" e la bellezza di scoprire luoghi nuovi ed essere accolti da persone che hanno un sacco di storie da raccontare! Ah, mi sono dimenticata di citare quanto adoro i "guests book" , che non sempre troviamo, ma che quando ci sono ci piace colorare, disegnare e scrivere le nostre emozioni! ;)

      Elimina
  2. ma che bello e che ricchezza!!! sì, in effetti deve proprio essere come scartare un regalo ogni giono. Bellissima la frase dei tuoi bimbi "in che casa dormiamo oggi". Mi ricorda un sacco la domanda di Maty quando siamo in giro "in che campo dormiamo questa notte"?. Ecco , dietro a queste domande ci sta tutto lo stupore e l'entusiasmo dei nostri figli. Che dà un senso ai nostri sforzi di genitori di crescerli ogni giorni con questi valori. Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un bel modo di viaggiare ed in questo modo si abituano i bambini ad adattarsi, anche se devo dire che ai miei basterebbero i nostri spostamenti da una nazione all'altra!! Mi piace crescerli con l'idea che ci puo' essere di tutto, dal bello al brutto, che si puo' vivere in tanti modi, con le galline nel cortile o con la strada trafficata sotto casa. Sono stati 3 giorni "on the road " fantastici e non vediamo l'ora di ripartire...sensazione a te famigliare, vero!? ;)

      Elimina
  3. Anche noi utilizzo massiccio di siti come airbnb dopo l'arrivo dei bimbi soprattutto, prima utilizzavamo molto i b&b. Ma quando siamo stati a Parigi solo noi due abbiamo trovato un monoiocale a nulla a pochi passi da Pigalle, non abbiamo però mai mangiato lì, noi due soli amiamo moltissimo mangiare fuori!
    L'alloggio in Belgio fenomenale!!

    RispondiElimina
  4. Non abbiamo mai pensato di utilizzare airbnb, interessante

    RispondiElimina
  5. Io ci ho pensato più volte ma ancora non ho provato...e la tua bellissima esperienza invoglia tantissimo a farlo! Grazie per questo bello oltre che utile racconto/resoconto!!
    Caspita che belle casette che avete trovato ;-)

    RispondiElimina