La prima settimana nella "nuova" scuola

I miei figli sono cresciuti a latte (il mio!) e  cambiamenti (i nostri!). 

Un cambiamento in positivo, perche' finalmente i due fratelli sono di nuovo insieme, perche' i nostri ritmi mattutini sono molto piu' rilassati, perche' abbiamo piu' tempo per fermarci a socializzare  con i compagni nel dopo-scuola e perche' ha un teacher che ci piace gia' tanto, un Mr.

Un maestro giovane, dinamico, "easy-going" direi e molto pratico. 

Ha accolto Lolo' alla grande lunedi', quando tutti e cinque insieme siamo andati nella sua nuova classe. 
Una grande emozione per me e BabboGe', perche' infondo i "primi giorni" di scuola sono sempre cosi' coinvolgenti e adrenalinici.

La scuola, a livello di spazi, Lolo' la conosceva gia' un po', infondo ci siamo stati tante volte insieme per i vari eventi scolastici in cui sono coinvolte le famiglie, perche' in quella scuola Dada' c'e' da settembre.

 
Il mio piccolo eroe ha seguito il suo maestro che l'ha portato in giro per la scuola nei dieci minuti prima che la porta della classe si aprisse per i suoi nuovi compagni. 

"He will have fun!" mi ha detto il suo maestro prima di salutarci.
E pensare che in Francia il motto era "travail bien" (lavora bene!), frase che molti genitori esclamavano lasciando i loro bimbi a scuola e qui suonano dei sonori "have fun!". 
Due amici gli sono stati affiancati, coloro che si occupano di non lasciarlo mai solo durante il "playtime"! Finche' Lolo' non si sentira' a suo agio anche con gli altri compagni. 

Lolo' ha affrontato bene i suoi primi giorni, facendomi dei completi resoconti serali sulle differenze di ritmi rispetto alla scuola precedente. 
I  momenti di "scarica d'adrenalina" non sono mancati e nemmeno le paure, ma eravamo preparati e pronti all'ascolto con pazienza.
C'e' un programma nuovo da conoscere, c'e' un ritmo nuovo da prendere, dei nuovi metodi da assimiliare e nuovi quaderni e compiti a casa. 

Lui ha voglia di fare, ha voglia di recuperare il "tempo perduto" ed ambientarsi in fretta.

Questo il suo maestro l'ha gia' capito.

Sono partite le mail collaborative tra me e lui. 

Un pomeriggio ci ha spiegato come funzionano i compiti a casa. 
Un bel quaderno lilla ("ma e' da femmina???" ha esclamato Dada'!) chiamato Reading Response Journal viene portato a casa tutti i giorni. 
Qui bisogna annotare la lettura che viene fatta. 
Consigliano 10 minuti al giorno di lettura di un libro a scelta, o uno preso nella biblioteca della scuola o uno di quelli che abbiamo a casa, basta leggere e con piacere. E nel weekend devono fare un esercizio di scrittura a scelta legata al testo letto (un riassunto, un articolo di giornale, una spiegazione dei personaggi...).

Poi ci sono degli esercizi di "spelling". 

Lolo' e' stato affiancato da una TA (Teacher Assistant) che ha valutato il suo livello di "spelling" e gli ha dato degli esercizi appositi da fare ogni sera.

Una lista di 10 parole, con determinati suoni.
Lui le legge, ne cerca il significato nel suo dizionario se non ne conosce il significato e poi io gliele detto e lui le scrive.

Ecco, il mio inglese e' fortunatamente buono e fluente, ma per questo tipo d'esercizi ci vuole la pronuncia perfetta, perche' cosi' sara' la pronuncia del maestro in classe quando verifichera' che lui quelle 10 parole le conosce bene.

Cosi' mi faccio aiutare dal mio alleato fedele www.wordreference.com.

Cerco le parole appartenenti all'elenco e cliccando sul tasto "audio" la faccio sentire a Lolo' con la pronuncia UK, perche' per ogni parola c'e' anche la pronuncia US che ovviamente cambia.
 
 
In classe il maestro o un compagno verificano la sua conoscenza e se ne azzecca giuste almeno 9 su 10 puo' passare al gruppo successivo per poi passare di livello.

Per quanto riguarda la matematica, materia sulla quale dobbiamo lavorare sodo perche' il fatto che Lolo' si sia ritrovato in quarta saltando la terza elementare francese fa si' che alcuni argomenti, come le divisioni e le frazioni, lui non li abbia affrontati approfonditamente.

Il maestro e' a conosceza di questo, gliel'ho detto chiaramente durante il nostro incontro nel secondo giorno di scuola di Lolo'. 
Mi ha mandato una mail proprio poco fa dicendomi che Lolo' ha username e password per il sito di matematica della scuola.

Un  sito internet che la scuola usa per fare esercizi di matematica mirati e relativi agli argomenti trattati in classe. Il maestro ha gia' scelto le attivita' da far fare a Lolo' e ha pure aggiunto delle schede e video nei quali vengono spiegati i metodi e strategie usate in matematica.

Insomma direi che la collaborazione maestro-genitore va alla grande. 

Ho trovato un ottimo alleato e sono sicura che Lolo', con la sua voglia di fare che ha, fara' grandi progressi da qui a fine anno scolastico, che per noi qui in UK e' fine Luglio. 

MaFa

MammaFarAndAway

5 commenti:

  1. Bravo Lolo' è bravo il teacher!
    Sono felice che questa nuova avventura sia iniziata bene.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Drusilla...o Mimma? ;)
      Credo che mi capiate benissimo quando si parla di cambiamenti vero!?
      E' inziata bene ed adesso c'e' ancora da darsi da fare....la strada e' ancora un po' in salita, ma con un bel panorama intorno! ;)

      Elimina
  2. Affrontare le cose nuove con entusiasmo è il modo migliore,bravo Lolò!!

    Ho un domanda forse stupida: come mai anche i compagni possono controllare che lui sappia quelle parole? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Praticamente ogni bambino ha la sua lista di parole per lo "spelling" da studiare a casa. Il giorno stabilito dal maestro nel quale viene verificato lo spelling, i bambini lavorano in coppia: uno legge le parole e l'altro scrive e viceversa controllando l'esattezza dello "spelling". Insomma si fanno le verifiche tra di loro! E' un bel modo di lavorare in autonomia, ovviamente con la supervisione del maestro e dell'assistente del maestro (teacher assistant).
      :)

      Elimina
  3. Oh che bello, avete trovato anche un bravissimo maestro, periamo che tuo figlio si ambienti in frettissima!!!

    RispondiElimina