La nostra festa di compleanno quasi inglese!

Organizzare la festa di compleanno per i miei figli e' una passione per me e farlo in un paese straniero e' una sfida.

Ogni nazione ha le sue tradizioni, che osservo, in parte cerco di capire e che poi applico, cercando di fare un bel mix con la mia forte italianita'. 


Mi ritengo fortunata ad avere dei figli nati a fine giugno (a due anni e un giorno di distanza l'uno dall'altro) perche' oltre a poter fare una festa unica, ho avuto modo, durante questi primi mesi in Inghilterra, di vedere come funzionava l'organizzazione delle feste di compleanno: una roba seria qui in UK! 

Ecco tutto quello che ho scoperto e che magari puo' tornare utile a chi si trova in terra inglese o ha a che fare con la cultura british e non vuole fare figuracce!

- La festa spesso viene organizzata in luoghi al chiuso (colpa del meteo ballerino in UK!).  
Generalmente i genitori prenotano in uno di quei centri sportivi o luoghi ricreativi dove tutto e' organizzato per i bambini e i piccoli invitati possono saltare, giocare a calcio, fare uno stage di karate, giocare in piscina con i gonfiabili, guidare macchinine elettriche, fare un lavoretto artistico o uno stage di teatro e tanto, tanto altro! Roba costosa e qualche volta impersonale, ma questo e' solo un mio parere.
Io ho rischiato grosso, ho fatto l'alternativa ed ho organizzato la nostra tanto amata festa in uno dei tanti parchi della cittadina in cui viviamo.
Abbiamo la fortuna d'avere un parco giochi con campetto da calcio vicino a casa ed ho sfidato il meteo invitando tutti i bambini al nostro Football Party. 
La pioggia e' arrivata e non ha di certo impedito ai bambini di divertirsi, sporcarsi, rotolarsi nel prato bagnato e ridere di brutto!



- La festa viene organizzata con largo anticipo, si parla di minimo 2 settimane. 
Vengono distribuiti i biglietti d'invito ai bambini con una bella voce sotto "RSVP", che significa "please reply" e che viene dal francese "répondez s'il vous plaît".
I nostri bigliettini a tema "football party" li abbiamo trovati online.
Ho aggiunto il mio numero e indirizzo email perche' sapevo che il talloncino d risposta non sarebbe stato usato, ma mi sembrava carina come idea!


- Nell'invito bisogna indicare l'orario di inizio e di fine della festa, generalmente si considerano due ore. 
Vi assicuro che la puntualita' e' impressionante. 
Il nostro party iniziava alle 11 ed alle 11 in punto sono arrivati tutti insieme, nemmeno vivessero tutti nella stessa casa! 
Il party finiva alle 13 ed alle 13 in punto tutti i genitori erano li' di nuovo puntualissimi.
Ovvio che io, da brava italiana, sarei rimasta a chiacchierare con le mamme che sono venute a riprendere i loro bambini, ma c'e' quella sorta di rispetto e di comprensione per il lavorone fatto e per aver gestito 10 bambini che molte hanno pensato di andare per non disturbare e lasciarmi il tempo di risistemare il tutto.


- Se le feste di compleanno in Italia sono anche un'occasione per le mamme di farsi due chiacchiere e stare un po' insieme, qui in UK e' molto difficile che una mamma si fermi (ovviamente dipende dall'eta' dei bambini), ma diciamo che dai 5 anni in su li lasciano stare da soli. 
Alla festa dei miei maschietti e' stato bellissimo trovarmi a chiacchierare con una mamma inglese, che alla fine ha deciso di restare perche' i nostri discorsi erano particolarmente interessanti. Mi sono ritrovata a confrontarmi culturalmente con una british 100%, parlando del modo di essere mamma, della cultura inglese, dell'essere una mamma italiana e di come certi comportamenti siano diversi. 
Questa e' la parte che amo di piu' del mio espatrio: confrontarmi, scoprire, raccontare di me e sentire i racconti degli altri. Tutto cio' aiuta a capire di piu' il paese in cui si vive e le loro abitudini e fargli scoprire qualcosa di noi.

- I bambini arrivano alla festa con il regalo SEMPRE accompagnato da una "card" generalmente incollata sul pacchetto. I regali non devono essere aperti, ma vanno messi da parte per poi scartarli una volta a casa. 
Ricordo la mia figuraccia in Francia quando alla prima festa di compleanno dei bambini aprimmo i regali appena gli invitati arrivarono, uno a uno ringraziando. Scoprimmo poi che in Francia i regali si aprono alla fine della festa, dopo la torta. In UK i regali si aprono a casa direttamente

Le "card" ricevute da Lolo' e Dada'

- Organizzare il buffet di compleanno in un paese straniero mi mette a dura prova perche' e' giusto cercare le cose che sono gradite ai bambini di quel determinato luogo. 


In questo caso, in Inghilterra, non devono mancare i sandwiches e qui ho "sbagliato": ho fatto "ham and cheese" alcuni con e altri senza maionese, ma mi sono dimenticata i "jam sandwiches" che un bambino mi ha cortesemente fatto notare! 
I "sausage rolls" sono un "must", quelli non devono mancare, come pure qualche verdurina ed in questo caso pomodorini e bastoncini di carota in abbondanza  accompagnati anche da succose fragole british
La parte italiana di me ha preparato le pizzette, ma a malincuore non hanno avuto molto successo. 
Le patatine sono sempre ben gradite.
Per quanto riguarda le bibite ci vuole tanto "apple juice", ho evitato le bibite gassate perche' io per prima non le do' ai miei figli e mi sono dimenticata il famosissimo "squash". 


Fonte: www.thegrocer.co.uk

Lo "squash" e' un concentrato di frutta, di diversi gusti, che va allungato con l'acqua e che i bambini inglesi adorano.
Per dare un po' di colore alla tavola e per attirare i bambini verso la "sana" acqua, ho preparato le "football bottles".
Con un rotolone di carta da regalo a tema "calcio" ho preparato delle strisce per creare una nuova "etichetta" per le bottigliette, personificandole poi con il nome di ciascun bambino scritto con un pennarello indelebile.


Ovviamente i succhi sono andati per la maggiore e alcune bottigliette sono rimaste intatte!


- La torta e' sempre decorata. Avevo pensato di presentarmi con la mia "brutta ma buona" torta al cioccolato ma sapevo gia' che non avrebbe avuto successo. 
Ed ecco che sono partita alla ricerca di una "football cake" anche perche' le mie capacita' decorative sono vicine allo zero e la mia amica Irina, colei che mi aiuto' a decorare le torte alle feste di compleanno in Francia non era disponibile per una trasferta. 
Meno male che in questo paese le torte gia' pronte a tema non mancano e il pallone da calcio ha fatto il suo figurone!





- La "party bag" non deve mai mancare.
Un sacchettino per ogni bambino con dentro dolcetti e qualche gadget.



Essendo una festa di compleanno a tema "calcio" noi l'abbiamo riempita di fischietti, medaglie, sticker, tutto acquistato online.

 
- Il pezzo di torta va messo nella party bag! 
Questo e' il punto dolente che non riesco a condividere delle feste di compleanno qui in Inghilterra. Io e la mia amica Miriam, che ci ha raggiunto per il weekend con la sua famiglia, abbiamo chiesto alla mamma inglese persa in chiacchiere con me il perche' della torta nella party bag! Nemmeno lei ha saputo spiegarci la ragione. 
Quindi dopo il soffio delle candeline la torta viene tagliata e messa, fetta per fetta, avvolta in un tovagliolo, nelle party bag per essere portata a casa dal bambino. 
E' il segno che la festa e' finita! 
Le mamme puntualissime arrivano a recuperare i loro bambini ed il divertimento termina tutto d'un botto con un bel "mamma ma perche' la festa e' durata cosi' poco?" di Dada' che era abituato a feste di ore ed ore.


- Last but not least, bisogna pensare alle "thank you card" che ho trovato online a tema "football".



Le "thank you card" vanno distribuite a tutti i partecipanti della festa nei giorni successivi al party, per ringraziarli d'aver partecipato e magari citando pure che il regalo ricevuto ci e' piaciuto un sacco ed era "wonderful". 
Trovo questo davvero molto "british" e mi piace un sacco questa loro tradizione delle "card" per ogni occasione. 


I bambini si sono divertiti, i regali sono stati aprezzati, la compagnia era ottima e la mia stanchezza era contenuta e tutto e' filato liscio, se non si considera la mezz'ora di pioggia come un problema, perche' allora in quel caso avrei potuto affermare che la festa e' stata un disastro, dipende sempre da che punto di vista si guarda!

We all had fun! 


MaFa

MammaFarAndAway

11 commenti:

  1. Cavoli che organizzazione.
    Anche Miciomao compie gli anni a Giugno e per l'occasione abbiamo invitato i suoi cinque amichetti, ne sono venuti quattro. Si è fermata solo una mamma per un'oretta, poi son rimasta da sola a gestire 5 bimbi che ad un certo punto hanno pensato bene di mettersi a discutere, due si son presi a botte, il mio pingeva, uno si è nascosto e non si faceva trovare, tant'è che pensavo se ne fosse andato a casa....
    Ho seri dubbi se rifarla l'anno prossimo.

    RispondiElimina
  2. Mmmh, il tuo post ha fatto partire nella mia mente una serie di considerazioni tanto che mi sa che ci scrivo un post apposito :D Ma qualcosa volevo comunque commentare, quindi beccati uno dei miei soliti sproloqui!
    Io per le feste di compleanno sono anarchica: non seguo regole, nè quelle del mio paese, nè tantomeno di quello che mi ospita. Siccome la organizzo io quasi in toto per i miei figli, voglio che piaccia a me e a loro. Se a quelli invitati non sta bene quello che c'è da mangiare o il fatto che non faccio giochi organizzati...ah bè pace!
    Per invece invogliare a far restare i genitori è semplice, ci piazzo un barbecue, del vino e la scusa di stare insieme, come per esempio che il compleanno del Navigante è una settimana dopo quella della Belva! Ma forse questo è semplice per noi visto che gli invitati sono quasi tutti parte della cerchia degli stranieri.
    L'anno scorso ho voluto fare la famigerata party bag con dei biscotti fatti da me che erano in frigo perchè con il cioccolato. Me ne sono completamente dimenticata, nessuno l'ha richiesta e gli ultimi che sono rimasti si sono beccati tutti i biscotti!! Sono un disastro :))) Come il fatto che non ho proprio pensato all'angolo regali, li si apre appena si ricevono, come posso pretendere che accantonino la curiosità? Io stessa non ci riuscirei ad aspettare, con tutti quei bei pacchetti colorati in mostra! E poi si gioca con i regali tutti insieme, che è anche meglio.
    Se c'è una regola ai miei compleanni è la non regola in generale, niente obblighi, costrizioni, giochi obbligati, fermare i bambini per fargli fare qualcosa di specifico, se non il momento del taglio della torta. Ci si scatena, alla grandissima, almeno quel giorno, metto a disposizione cibo, giochi e la mia presenza, il resto è tutto nelle loro mani.
    Sarà per questo che quest'anno faremo al parco e non a casa come l'anno scorso?!?!?! :D

    Alla fine ho praticamente fatto il mio post qui, incorreggibile!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  3. Cara Eleonora, i tuoi commenti meritano sempre risposta per non rimanere fraintesa. Anche io faccio la festa affinche' piaccia ai miei bambini: il tema football party l'hanno scelto loro e la partita a calcio e' stata una delle piu' divertenti mai fatte, ma questo va al di la' dell'organizzazione. I miei figli hanno il bisogno di "sentirsi parte" ed avere le loro "card" d'invito da consegnare, come hanno fatto con loro i loro compagni di scuola nei mesi precenti fa parte di questo processo. Ed avere le party bag come i loro amici e' un orgoglio per loro che con il sorriso le hanno date ai loro amici fieri del contenuto (fischietto, sticker e giochino a tema calcio!). Credo che superata una certa eta', in questo caso i 7 anni, non ci stia proprio male una partitella di calcio organizzata! Non ho ancora una confidenza tale da invitare gli adulti a rimanere, molte sono mamme con le quali ho parlato una volta, ma da bravi italiani abbiamo e conosciamo i mezzi per stare in compagnia. Una mamma inglese e' rimasta ed e' stato un vero piacere chiacchierare con lei e ci siamo gia' messe d'accordo per un caffe' insieme prossimamente! E' un inizio! Non ho vissuto queste "regole" come un obbligo, le ho raccontate per condivisione ma non di certo per far sentire obbligate le mamme a seguirle. Certe cose le trovo carine, altre strane, altre non le condivido, ma questo e' il bello. Non le ho sicuramente sentite come costrizione, e' stato un piacere mettermi alla prova, impegnarmi per i bimbi nel fare le card ed adesso le thankyou card ed il loro "grazie mamma" a fine giornata e' stato piu' che sufficiente! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, scusa, il mio commento sembra essere una critica, ma non voleva esserlo.
      Volevo solo confrontarmi, ma sarebbe stato meglio farlo direttamente sul mio blog, non volevo sembrare una che sta a fare il pelo agli altri.
      Sono convinta che i tuoi bimbi si siano divertiti e sono certa che per te non sia stato un peso, per me ecco forse lo sarebbe stato e quindi mi sono dilungata nel commento.
      Scusami ancora se sono sembrata impertinente.

      Elimina
  4. Il pezzo di torta nella party bag mi mancava, tutto il resto l'avevo parato frequentando le amiche inglesi in Kuwait. Comunque le festone degli inglesi sono sempre le migliori! Brava tu che hai sfidato il tempo è deciso di festeggiare all'aperto!

    RispondiElimina
  5. Io adoro le feste a tema e non avendo figli le organizzo per il mio compleanno :P
    La torta era stupenda, avevo già sentito (o letto da qualche parte) questa cosa di inserirla nella party bag e devo dire che no, non mi piace!
    Per il resto,tutto fantastico! Prossima volta invita anche me :P

    RispondiElimina
  6. Qui in Perth più o meno tutto uguale, a parte il fatto che grazie al meteo favorevole si festeggia quasi sempre all'aperto e che la torta si mangia alla festa.
    Il fatto che sull'invito ci sia l'orario della fine, all'inizio mi straniva, ora invece lo trovo comodo per potersi organizzare su quando andare a riprenderli.
    Aprire i regali a casa secondo me è utile per evitare esclamazioni del tipo "questo ce l'ho già" davanti a madre ed invitato!!!
    Torta decorata: temo che dovrò cedere anche io, anche perché 2G adora Frozen

    Qui sono di regola le feste divise per sesso: se compie gli anni un maschio, si invitano solo i maschi, se il festeggiato è una femmina, si invitano le bimbe. Forse perché ad una festa in tema Frozen i maschi si annoierebbero? Boh!
    Intanto la festa di 3G è stata organizzata al parco, autogestita, senza inviti o fronzoli ed insieme al suo amichetto inglese quasi gemello...probabilmente avremo scioccato tutti ;)

    Ps: tanti auguri ai tuoi bimbi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per gli auguri! In effetti non avevo pensato all'aspetto del "sesso" dell'invitato, anche perche' quasi sempre i miei bambini hanno scelto d'invitare maschi. Le femmine alle feste erano figlie di amiche mie care...ma non invitate direttamente dai maschietti! Magari con l'eta' passa!

      Elimina
  7. Ciao. Il tuo post è pieno di spunti interessantissimi e mi hai dato anche qualche ispirazione per i miei post futuri. Intanto ti ringrazio per aver condiviso con noi un post così ricco e ti faccio i complimenti per la bella festa. Ammiro anche il tuo spirito di condivisione "senza ossessione"! ;)
    Il tuo post è indubbiamente tra i miei preferiti della settimana in http://festeesorrisi.blogspot.it/2015/07/top-of-the-post-n43-6-luglio-2015.html
    Un abbraccio
    Manuela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Manuela e grazie! Cosa intendi "senza ossessione"... mi chiedo come sarebbe un post "con ossessione"!! Magari sono estranea a certi meccanismi e mi piacerebbe sapere la tua! ;)

      Elimina