Educare alla lettura: l'approccio nelle scuole primarie inglesi

    Home / Scuola Inglese / Bambini Lettori /
    educare alla lettura

    Una delle cose che mi affascina di più del sistema scolastico inglese è il modo che hanno di insegnare a leggere ai bambini, dell'approccio "soft" e naturale alla lettura e di tutto quello che fanno ed organizzano per promuovere la lettura nelle scuole e a casa.

    I bambini vengono esposti alla lettura fin da piccolissimi: le biblioteche organizzano quelli che sono chiamati "rhyme time sessions" o "story times", cioè sessioni di letture e canzoncine per bebè e bambini piccoli sotto ai 5 anni di età, a cui partecipano con mamme, papà, nonni o babysitter.

    L'obiettivo di questi incontri è quello di condividere le nursery rhymes (filastrocche e canzoncine per bambini), spesso ispirate ai libri, cantare con gesti, mimica, strumenti e leggere libri ai piccoli partecipanti.

    Sono sessioni divertenti svolte in un ambiente stimolante come quello delle sezioni per bambini delle biblioteche e non c'è genitore che non vi partecipi. Per molti è un appuntamento settimanale fisso con i propri figli.

    E' con l'ingresso a scuola, a 4 anni, che i bambini vengono immersi totalmente nel mondo dei libri, primo strumento per avvicinarli alla lettura in autonomia.

    Con questo post voglio raccontarvi le iniziative e gli strumenti che usano per educare alla lettura, spiegandovi nel dettaglio l'approccio usato nelle scuole primarie inglesi, basandomi in particolare sull'esperienza dei miei figli e su quello che ho visto e vissuto personalmente nel periodo in cui ho lavorato a scuola.

    Spero che alcune di queste iniziative possano essere d'ispirazione per maestre, educatori e genitori che vogliono far di tutto per far amare la lettura ai propri bambini.


    Ogni bambino ha un piano di lettura personalizzato a seconda del livello

    In molte scuole viene dato ad ogni alunno un "reading journal" o "reading record" nel quale il bambino deve annotare il titolo del libro letto e lasciare un piccolo commento riguardante il libro.

    diario di lettura

    Se il bambino non sa ancora scrivere, può farlo il genitore chiedendo al bambino se il libro gli è piaciuto e anche un semplice "I loved it" (mi è piaciuto) va benissimo.

    Il commento diventerà sempre più complesso con l'aumentare del livello e dell'età del bambino.
    Nel quaderno la maestra incollerà la scheda che indica il livello del bambino, con suggerimenti per il genitore su come supportarlo nella lettura a casa.

    giornale di lettura

    Le TA (teaching assistant-assistenti della maestra) sono di solito le figure professionali che si occupano di verificare il livello, coinvolgendo l'insegnante ovviamente, e controllano i Reading Journal.
    Se volete capire meglio come funzionano questi Reading journal, vi invito a leggere questo post in cui trovate i dettagli relativi al librettino in cui si scrivono le letture fatte.


    Lettura in circle time

    La lettura in circle time, detto anche storytelling, è quel momento importantissimo in cui la maestra si siede per terra con i bambini e legge loro dei libri.
    Generalmente le letture sono legate all'argomento trattato nel trimestre dalla classe.

    Per esempio, possono leggere We are going on a bear hunt e parlare di differenti tipi di paesaggi in geografia, di animali in scienze e fare dei giochi con numeri e conteggio dei passi in matematica.
    Oppure la maestra può leggere libri più lunghi, un pezzetto ogni giorno, in un determinato momento della giornata che i bambini aspettano con entusiasmo. Le maestre sono generalmente molto brave nel leggere, ponendo enfasi, intonazione, mimica e ritmo alla lettura.


    I libri della biblioteca come risorsa preziosa

    Tutte le scuole hanno biblioteche ben fornite e generalmente ben organizzate, con libri divisi per livelli, ai quali i bambini possono accedere autonomamente.
    I livelli sono indicati per colori.
    In alcune scuole passa anche il Library Bus, cioè un autobus-biblioteca che gira per le scuole del comune.

    bambino in biblioteca

    La maestra, nei primi 10 minuti di scuola, quelli nei quali i bambini arrivano in classe (l'ingresso in classe da noi avviene tra le 8.40 e le 8.50 ed alle 8.50 la maestra fa l'appello) invita i bambini ad andare a cambiare i loro libri in biblioteca, da soli.
    Ovviamente i bambini possono anche leggere libri che non provengono dalla biblioteca scolastica e ogni tipo di lettura è ben vista. Anzi, i genitori vengono invitati a portare spesso i propri figli a visitare la biblioteca locale.

    Le maestre tendono a non forzare la lettura di un particolare libro o genere, ma promuovono la lettura per piacere, rispettando i gusti del bambino. Fanno di tutto per stimolare la curiosità e l'interesse nei libri da parte dei bambini, motivo per cui l'avere un'ampissima scelta di testi è già un ottimo punto di partenza.


    Ogni classe ha un angolo lettura

    Si chiama reading corner in inglese ed è la zona in cui si trovano i libri della classe, alla quale gli alunni possono accedere liberamente.

    La maestra si occupa di variare i libri presenti trimestre per trimestre, in base anche agli argomenti che stanno studiando in classe. Cerca anche di rendere l'angolo accogliente, colorato e stimolante.
    Ci possono essere cuscini per terra, poltroncine ed ogni particolare è studiato per rendere il reading corner attraente.

    bambino in biblioteca

    I bambini vi possono accedere nei momenti in cui ci sono attività libere o quando la maestra è impegnata con un determinato gruppo di alunni.


    Eventi annuali ispirati ai libri

    Tutti gli anni le scuole organizzano il book week/book day, cioè la giornata o settimana del libro.
    Durante il book week gli insegnanti propongono tutta una serie di eventi legati al mondo dei libri. Le iniziative per la celebrazione della giornata del libro possono essere molteplici, qui ne trovate un'ampia scelta.


    Buddy System per lettura

    La parola buddy si usa per indicare il bambino che aiuta, supporta ed è amico fidato di un determinato compagno di classe.

    Nel caso specifico della lettura, significa che un bambino viene affiancato da un buddy nel momento in cui leggono insieme. Sembra essere un metodo molto efficace per far avvicinare alla lettura anche i bambini meno propensi. Generalmente sono i più grandi che aiutano a leggere i più piccoli.


    Incoraggiare la lettura di libri facili

    Soprattutto nelle prime fasi in cui il bambino sta imparando a leggere, le maestre consigliano libri semplici, che permettono al bambino di leggere fluentemente e sentirsi soddisfatto dall'esperienza di lettura. Questo permette loro di rinforzare la conoscenza dei suoni fonetici e migliorare la compresione della storia.


    Fiera del libro

    In inglese si chiama Book Fair ed è la vendita di libri organizzata dalle scuole, o in coincidenza con il Book Week o in altri momenti dell'anno.
    Si possono acquistare libri nuovi oppure viene chiesto ai genitori di donare alla scuola libri usati che poi verranno venduti al mercatino del libro. Il ricavato verrà utilizzato per acquistare nuovi testi per la biblioteca scolastica.


    Parlare del libro con i bambini

    La pratica del lasciare il bambino libero di sfogliare il libro, osservare le immagini e esprimere la sua opinione su quello che succederà nella storia o quello che le illustrazioni vogliono comunicare, è molto diffusa. Parlarne con la maestra, con i compagni o con il genitore a casa, aiuta tantissimo lo sviluppo del linguaggio e stimola la fantasia.


    Show di metà e fine anno ispirati ai libri

    In alcune scuole vengono organizzati spettacoli teatrali ispirati ai libri. Nella scuola primaria dei miei figli, per esempio, sono gli insegnanti stessi che ogni anno, in occasione del Book Week, mettono in scena uno spettacolo divertentissimo ispirato a libri conosciuti e amati dai bambini.


    Visite di autori a scuola

    Le scuole ricevono spesso visite di autori locali di libri per bambini o famosi a livello nazionale.


    Raccontami la storia

    I bambini vengono incoraggiati a raccontare e illustrare fiabe, racconti, storie lette in classe, aggiungendo particolari propri e usando tutta la loro fantasia. E' bellissimo rileggere certe storie classiche riscritte dai piccoli.


    Lettura a casa

    Nella scuola primaria dei miei figli vengono organizzati degli incontri per i genitori dei bambini del primo anno di primaria proprio per spiegare loro quanto sia importante leggere con i figli a casa.

    La scuola inglese crede molto nella collaborazione scuola-famiglia e fa di tutto per educare i genitori ad usare il giusto approccio nella fase in cui i bambini stanno imparando a leggere in inglese.

    Non viene chiesto di leggere ai figli per ore ed ore, ma viene chiesta una certe continuità di almeno 10 minuti ogni giorno e far sì che quei 10 minuti siano di qualità, non una forzatura, ma una buona abitudine quotidiana, senza stress ma con naturalezza, gioia e amore.

    I genitori vengono supportati dalla scuola che fa di tutto per dare gli strumenti ed i consigli giusti ai genitori per aiutare i piccoli lettori in questo loro percorso di apprendimento.


    Guided Reading

    Guided Reading è un'attività che viene fatta tutti i giorni in classe.
    I bambini vengono divisi in gruppi di 5 o 6 alunni e ad ogni tavolo viene assegnata una lettura (sono storie brevi adatte al loro livello e per ogni bambino c'è una copia del testo).
    I bambini leggono insieme quel libro e poi devono fare un'attività relativa alla lettura. In un gruppo ci sarà la maestra, in uno ci sarà l'assistente alla maestra e gli altri gruppi lavoreranno in autonomia, questo a rotazione per la settimana.
    Per la classe è un'attività giornaliera molto importante.

    Nel tavolo dove ci sarà la maestra o la teaching assistant verrà discusso più approfonditamente il testo, la maestra si accerterà che ogni bambino sia in grado di leggere correttamente il testo e discuterà con i bambini il significato della storia.

    Non è una lezione frontale, ma una vera e proprio interazione alla pari tra maestra e bambini.
    Ho assistito ad alcune sessioni di Guided Reading e ne sono rimasta entusiasta, è una gioia vedere questi bambini contenti di dire la loro sul testo senza paura di sbagliare, perché nella nostra scuola, come in tante altre qui in Inghilterra, si segue il Growth Mindset e se ne vedono i frutti.


    Show and tell

    I bambini sono incoraggiati a portare a scuola i loro libri preferiti da mostrare ai compagni e non solo in occasione del Book Week, ma anche in determinati giorni della settimana in cui la maestra dedica del tempo allo Show and Tell (mostra e racconta).


    Genitori volontari a scuola

    Nel primo anno di primaria i bambini iniziano a leggere e portare a casa dei libretti semplici che ogni due giorni, o poco più, vanno cambiati per far sì che il bambino non si annoi con lo stesso libro in cartella. All'inizio possono essere libri senza immagini, poi il numero di parole presenti aumenta gradualmente.

    Ci sono così dei genitori volontari che vanno a scuola in determinati giorni della settimana per aiutare un bambino alla volta a leggere il libro e fargliene scegliere un altro dello stesso livello o del livello che indicherà la maestra.
    I bambini della classe, uno alla volta, usciranno dall'aula per raggiungere il papà o la mamma volontari e dopo la lettura del loro libretto potranno sceglierne un altro dall'apposito box del colore corrispondente al loro livello.


    Mistery reader

    In alcune giornate particolari, magari in concomitanza del Book Day, i maestri si scambiano le classi e vanno a leggere la loro storia preferita in un'altra classe.

    Per esempio, il maestro di year 1 va a leggere la sua storia preferita alla classe di year 4, quello di year 6, in year 2. I bambini non sanno quale maestro verrà da loro e i maestri creano talmente tante aspettative su questo evento che gli alunni ne sono entusiasti.


    Star reader

    E' il sistema di premiazione che le maestre usano per motivare e celebrare i bambini che hanno letto tanto. Per esempio, chi legge a casa almeno quattro volte a settimana ottiene una stellina sul diario.
    Ogni mese i nomi dei bambini che hanno ottenuto sempre le stelline vengono messi in un ciotolo diversa anno per anno (ciotolo year 1, year 2, etc.) e durante l'assemblea generale della scuola viene estratto il nome di un bambino per ogni anno scolastico. Il bambino estratto vince un libro, per esempio.

    Tenete presente che le maestre tendono a non premiare sempre e soltanto quelli palesemente più bravi e che divorano libri, ma fanno attenzione a premiare anche coloro che magari faticano a leggere e per i quali aver letto anche solo 2 libretti è un grandissimo traguardo.


    Reading challenge

    Sia nelle scuole che nelle biblioteche comunali vengono organizzate queste "sfide di lettura". E' un modo per stimolare i bambini a leggere libri diversi in un arco di tempo prestabilito. Alcune di queste reading challenge possono essere organizzate anche tra scuole.

    reading challenge

    Queste sono alcune delle iniziative che organizzano le scuole inglesi per educare alla lettura. Quello che mi affascina è il modo naturale in cui i libri, i personaggi dei libri e gli autori siano parte della quotidianità dei bambini. Vedere questi piccoli alunni parlare di libri, scambiarsi consigli di lettura, essere felici di travestirsi da personaggio del loro libro preferito oppure partecipare alle lettura animate, come se andassero a un parco giochi, è qualcosa di meraviglioso.

    I libri sono parte integrante della vita dei bambini, tutto è fatto e creato per stimolare la loro curiosità e voglia di leggere. Non solo nelle scuole, ma anche nei musei. Un esempio è l'incredibile museo di Roald Dahl, uno dei musei più visitati dai bambini inglesi oppure i luoghi di Beatrix Potter nel Lake District.

    "Leggere è il passaporto per infinite avventure" Mary Porte Osborne


    Se siete curiosi di conoscere altri aspetti interessanti della vita da genitore in Inghilterra, vi consiglio il mio libro "Vivere in Inghilterra - Tutto quello, o quasi, che un genitore dovrebbe sapere"

    vivere in inghilterra libro

    Se invece siete alla ricerca di materiale per insegnare l'inglese ai vostri bambini partendo dalla fonetica, nel mio shop trovate quello che fa al caso vostro, dai libri per le prime letture in inglese, alle carte per giocare con l'inglese fino ai libri musicali. Sono tutti prodotti scelti con cura e selezionati attentamente per aiutare i genitori alle prese con il bilinguismo italiano-inglese dei loro bambini:

    mammafarandaway shop

    Disclaimer
    Nel post trovate dei link Affiliate Amazon e Amazon Influencer, ciò vuol dire che se decidete di cliccare su quei determinati link e procedete all'acquisto dei prodotti dal sito Amazon, io riceverò una minima percentuale sul vostro acquisto, senza che questo vada ad intaccare il prezzo del prodotto da voi scelto. Fondamentalmente, se utilizzerete questi link, contribuirete a supportare questo blog e il mio lavoro non remunerato che faccio con passione e dedizione da anni e che spero vi sia stato spesso d'aiuto. Grazie di cuore, Fabiana